NAPOLI E I SUOI DINTORNI - Lucio Fino

Napoli_e_i_suoi_Dintorni_pAutore: Lucio Fino
Titolo: Napoli e i suoi dintorni nelle opere dei vedutisti scandinavi tedeschi e russi del primo '800.
Descrizione: Volume in 4° (cm. 25 x 35) pagine 180 corredate di 144 tavole a colori
Pregiata edizione di soli 1490 esemplari numerati, su carta pregiata pesante, legatura artigianale "bodoniana" realizzata a mano, con astuccio rigido e controscatola in cartone ondulato.
Luogo, Editore, data: Napoli, Grimaldi & C.
Prezzo: Euro 115,00
ISBN: 88-89879-17-3
Disponibilita': In commercio

Splendide vedute con suggestivi scorci di paesaggio dei luoghi piu' pittoreschi di Napoli e dei Campi Flegrei, di Capri e di Sorrento, di Ischia o della esotica costiera amalfitana dipinte o disegnate dai numerosi artisti che, subito dopo la restaurazione, vennero nella capitale borbonica da ogni parte del nord Europa: dalla Norvegia e dalla Russia, da Copenaghen e da Stoccolma, da Dresda o da Berlino. Si tratta di artisti in genere poco noti in Italia, ma ben famosi e apprezzati all'estero le cui opere sono gelosamente conservate nei maggiori Musei scandinavi, tedeschi o russi: Dahl, Fearnley, Kóbke, Hansen, Rórbye, Sódersen. Pitloo, Catel, Reinhold, Richter, Schilbach, Fries, Carus, Gótzloff, Blechen, Frommel, Scedrin, A. Brjullov, i fratelli Cernecov e Vorob'ev.

Questa nuova pubblicazione di Lucio Fino costituisce la seconda tappa di una lunga ricerca iniziata nel 2003 con il volume di nostra edizione Vedutisti e Incisori stranieri a Napoli nella seconda meta' del '700 in cui vennero trattate le vedute d'après nature degli artisti inglesi presenti a Napoli sul finire del '700 -, e che proseguira' con un saggio sulle vedute en plein air di Napoli e dintorni dei piu' celebri artisti francesi dell'eta' napoleonica o di quella romantica.
Questo volume, con oltre 140 illustrazioni, per lo piu' a colori, propone, nella consueta lussuosa veste editoriale, una ricca selezione delle suggestive vedute di Napoli e dei suoi dintorni dipinte o disegnate dai numerosi artisti che, subito dopo la restaurazione, vennero nella capitale borbonica da ogni parte dell'Europa del Nord, dalla Norvegia e dalla Russia, da Copenaghen e da Stoccolma, da Dresda o da Berlino. Si tratta di vedutisti in genere poco o affatto noti in Italia ai 'non addetti ai lavori', ma ben famosi e apprezzati all'estero, le cui opere sono gelosamente conservate nelle raccolte dei grandi Musei scandinavi, tedeschi o russi o delle piu' prestigiose e quasi inaccessibili collezioni private europee.
La ricerca risultera' certamente di eccezionale interesse, perché, caratterizzata com'è da una particolare ricchezza di dati e di analisi oltre che d'immagini, fornisce per la prima volta in Italia una preziosa e completa documentazione sulla produzione complessiva dei vedutisti en plein air del nord Europa a Napoli, di quegli artisti cioè che, riprendendo i luoghi piu' suggestivi e pittoreschi di Napoli e dei Campi Flegrei, di Capri e di Sorrento, d'Ischia o della esotica costiera amalfitana, seppero inventare un linguaggio nuovo, rigenerare rispetto al passato i modi della visione, sperimentare, infine, tecniche non tradizionali, come quelle della pittuta a olio su carta o dell'acquarello, che consentivano di fissare liberamente e con efficacia le impressioni momentanee, i proprio stati d'animo, gli aspetti instabili e fuggitivi della natura, il perenne mutare di ombre, colori e luci, o le ariose prospettive mediterranee.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.