BAROCCO IN CHIAROSCURO - Alessandro Cosma, Yuri Primarosa

BAROCCO IN CHIAROSCURO - Alessandro Cosma, Yuri PrimarosaAutore: 
Curatore: Alessandro Cosma, Yuri Primarosa
Titolo: Barocco in chiaroscuro
Sottotitolo: Persistenze e rielaborazioni del caravaggismo nell’arte del Seicento. Roma, Napoli, Venezia 1630-1680
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 419 pagine; 125 illustrazioni a colori e 125 in b/n
Luogo, Editore, data: Roma, Officina Libraria, 2020
Collana: Saggi in Officina
ISBN: 9788833671215
Prezzo: Euro 39,00
Disponibilità: In arrivo

 


richiedi informazioni

Il volume raccoglie gli atti del convegno tenutosi nel giugno del 2019 a Palazzo Barberini, al termine della mostra Il trionfo dei sensi. Nuova luce su Mattia e Gregorio Preti. Giovani studiosi ed esperti di fama internazionale riconsiderano nel libro, attraverso diversi approcci metodologici, un importante nodo critico della pittura seicentesca: i tempi e i modi in cui le diverse declinazioni del naturalismo caravaggesco si sono susseguite o, per meglio dire, sovrapposte alle variegate istanze classiciste e barocche nei decenni centrali del secolo.

Si è soliti leggere nei manuali di storia dell’arte e in molti saggi specialistici che la moda generata dalle opere di Caravaggio si sia rapidamente conclusa attorno al 1630, ovvero all’indomani del ciclo di tele commissionato da Asdrubale Mattei e della tragica scomparsa di Valentin de Boulogne (1632). Ma le cose sono andate proprio così? È davvero questa la fine anagrafica del caravaggismo? Esisteva una fetta di mercato che, ancora negli anni Trenta, Quaranta e Cinquanta, richiedeva opere dipinte dal naturale qualificate da forti contrasti chiaroscurali?

Per rispondere a queste domande si è scelto di prendere in esame tre differenti contesti culturali e geografici, ognuno dei quali fortemente caratterizzato in senso pittorico: Roma, Napoli e Venezia. I tre centri, non a
caso, sono quelli che Mattia Preti toccò nel corso della sua lunga carriera, mantenendo viva nel pieno Seicento la grande tradizione naturalistica che all’inizio del secolo aveva conosciuto i suoi momenti più alti nella capitale papale e in quella vicereale. Del resto, mentre Andrea Sacchi e Pietro da Cortona meravigliavano il mondo con le volte di Palazzo Barberini, numerosi altri artisti più o meno noti – tra cui Ribera, Spadarino, Mendozzi, Chiesa, Stomer e il giovane Luca Giordano – continuavano a dipingere nel solco caravaggesco. Pur con le debite differenze dovute alla specificità della produzione pittorica delle tre città, non si tratta di episodi marginali e attardati bensì di importanti testimonianze di un gusto ancora vivo e fecondo, frutto di una mutata sensibilità e di nuovi valori formali.

Sommario
Flaminia Gennari Santori, Premessa
Alessandro Cosma, Yuri Primarosa, Introduzione
Francesco Gatta, «Dipingere di maniera, e con l’esempio avanti del naturale»: nuove proposte per il Galanino e alcune considerazioni sugli sviluppi del naturalismo tra Roma e Napoli
Francesca Curti, Bartolomeo Mendozzi alias Maestro dell’Incredulità di San Tommaso: un allievo di Manfredi nella Roma degli anni Trenta e Quaranta, con appendice di Mario Epifani e Paolo Gili, Il restauro della Cena in Emmaus di Bartolomeo Mendozzi
Yuri Primarosa, Nuove scoperte su Mattia e Gregorio Preti.
appendice di M. Brunetti e P. Surace, Il restauro del Cristo e la Cananea di Mattia Preti
appendice di Mariarosaria Di Napoli, Il restauro della Sant’Orsola di Gregorio Preti
Alessandro Cosma, Mattia Preti a Malta
Tommaso Borgogelli, Tre dipinti giovanili di Gregorio Preti, una Giuditta con la testa di Oloferne e una sottrazione ad Andrea Vaccaro
Francesco Petrucci, Il Cavalier Beinaschi e i ‘tenebristi’ romani. Considerazioni generali e qualche novità
Luca Calenne, Una roccaforte caravaggesca nella Roma barocca: la bottega di Romualdo e Leonardo de Sanctis dalla Sapienza al Campidoglio e i loro rapporti con Mattia e Gregorio Preti
Chiara Cerica, I fratelli Preti nella Pontificia Insigne Accademia dei Virtuosi al Pantheon
Gianni Papi, Sopravvivenze riberesche a Roma: aggiunte al catalogo di Pasquale Chiesa
Alessandra Cosmi, Saggio su Andrea Sacchi, Magnoni e le copie da Caravaggio
Enrico Ghetti, Sguardi al passato e impressioni napoletane nella pittura di Francesco Stringa
Francesco Grisolia, «Con pochi segni per lo più di carbone su carte oscure, e con pochi lumi di lapis bianco prendeva dal naturale». Giovan Battista Beinaschi e il disegno in chiaroscuro
Itay Sapir, Stylistic Survival as Prophesy: Ribera’s persistent Caravaggism at the Certosa di San Martino
Viviana Farina, Luca Giordano giovane: sulle orme di Ribera
Yuri Primarosa, Luca Giordano tra Napoli e Venezia: un capolavoro ritrovato
Enrico De Nicola, Tracce di Mattia Preti in disegni noti e inediti di Francesco Solimena e un nuovo foglio di Luca Giordano
Ruggiero Doronzo, Carlo Rosa in Puglia: dai riflessi naturalistici al classicismo
Francesco Lofano, Le difficoltà di Carlo Rosa tra viceré e prelati: il caso del soffitto di San Nicola
Michele Nicolaci, Venezia (anti)caravaggesca. Itinerario in chiaroscuro
Debora Tosato, I “Tenebrosi” nella pittura veneziana della seconda metà del Seicento: la fortuna critica e il caso di Antonio Zanchi
Loredana Pavanello, “Con ombreggiamenti assai caricati”. La pittura tenebrosa di Antonio Zanchi e le “diramazioni del caravaggismo” alla Scuola veneziana di San Fantin
Anna Orlando, La dark side del barocco genovese: ultimi bagliori di caravaggismo da Fiasella a Guidobono
Bibliografia
Indice dei nomi

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.