MATTIA PRETI - Vittorio Sgarbi

mattia preti. vittorio sgarbiAutore: Vittorio Sgarbi
Titolo: Mattia Preti
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 16); 409 pagine; 148 tavole a colori e schede dei dipinti.
Luogo, Editore, data: Soveria Mannelli (CZ), Rubbettino, maggio 2013
Collana: Varie
ISBN: 9788849835786
Prezzo: Euro 24,00
Disponibilità: In commercio

Tra i numerosi pittori nati nell’orbita di Caravaggio, Mattia Preti (1613-1699) fu probabilmente il più noto già durante quella straordinaria stagione dell’arte italiana che fu il Seicento. Originario di un piccolo paese della Calabria (Taverna), Mattia Preti fu principalmente attivo a Roma, a Napoli, dove subì l’influenza di Andrea Giordano e dove si conservano numerose opere sia nel Palazzo reale che in numerose chiese, e a Malta dove, per conto dell’ordine dei Cavalieri decorò la cattedrale di La  Valletta.
Le opere di Mattia Preti sono esposte nelle più importanti collezioni d’arte e pinacoteche, dall’Ermitage, alla pinacoteca di Brera, dalla Galleria dell’Accademia di Venezia agli Uffizi di Firenze nonché in musei americani, canadesi ed europei. In occasione dell’inizio delle celebrazioni nazionali per il prossimo cinquecentesimo anniversario della nascita, Rubbettino propone in esclusiva il primo catalogo di questo straordinario artista curato per l’occasione da Vittorio Sgarbi, tra i massimi esperti pretiani. Un’opera che oltre a passare in rassegna le opere, ne ricostruisce la genesi e la fortuna inserendole nel panorama artistico italiano ed europeo all’interno del quale sono state create. Un’opera imprescindibile per tutti gli appassionati d’arte costruita (anche nel prezzo) per rivolgersi a un pubblico ampio e variegato.

Vittorio Sgarbi è tra i più grandi critici italiani della storia dell’arte, personaggio istrionico dalle indiscusse qualità dialettiche e artistiche. Ogni sua iniziativa, ha il potere di catalizzare l’attenzione e l’ammirazione del grande pubblico al quale il critico ha la capacità di rivolgersi in modo diretto, semplice, ironico.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn