LA FORTUNA DEL BAROCCO NAPOLETANO NEL VENETO. Dipinti napoletani del Sei e Settecento dal Veneto - Mario Alberto Pavone

la_fortuna_del_barocco_napoletanoCuratore: Mario Alberto Pavone
Titolo: La fortuna del Barocco napoletano nel Veneto
Sottotitolo: Dipinti napoletani del Sei e Settecento dal Veneto
Saggi di Stefania Mason e Linda Borean
Catalogo di mostra
Descrizione: Volume in 8° (cm 24 x 21,8); 168 pagine;133 illustrazioni a colori.
Luogo, Editore, data: Foggia, Grenzi, 2010
ISBN: 978-88-8431-418-5
Prezzo: Euro 28,00
Disponibilita': Si

La mostra ha inteso ripercorrere le tappe della progressiva affermazione nell’area veneta degli artisti napoletani attivi nella fase di transizione dal Barocco all’Arcadia. Sulla scorta degli ultimi studi sul collezionismo veneto, che attraverso la rilettura degli inventari delle famiglie nobili hanno portato a riscoprire l’interesse di collezionisti e committenti per i maggiori interpreti della pittura barocca napoletana, sono state riesaminate le fasi di intensificazione dei rapporti tra Napoli e Venezia, che misero in moto un fruttuoso interscambio, favorito dalla mediazione di autorevoli nuclei familiari, i Lumaga e i Correggio, ma anche di figure influenti nel mercato dell’arte, quali il Giogalli e il Samueli.

 

Ad un’analisi preliminare del fenomeno segue una complessa rete di riferimenti che consente di verificare come al successo del Ribera, del Preti e del Giordano nel Seicento, seguirono, nel secolo successivo, le proposte del Solimena e del De Matteis che, sebbene di diverso orientamento, trovarono ampio consenso.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.