I LIUTAI TEDESCHI A NAPOLI TRA CINQUE E SEICENTO - Luigi Sisto

i_liutai_tedeschi_a_napoli_pAutore: Luigi Sisto
Titolo: I liutai tedeschi a Napoli tra Cinque e Seicento
Sottotitolo: Storia di una migrazione in senso contrario
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 24 x 17); 224 pagine con 3 figg. b/n nel testo, 16 tavv. f.t. a colori
Luogo, Editore, data: Roma, Istituto Italiano per la Storia della Musica, 2010
ISBN: 97888-95349084
Prezzo: Euro 20,00
Disponibilità: In commercio

 

La grande migrazione dei liutai tedeschi verso le città della Penisola italiana, cominciata tra Medioevo ed età moderna, ha affascinato storici della musica ed organologi insieme a studiosi di ambiti disciplinari diversi.

In questo volume si presenta per la prima volta un'analisi del fenomeno migratorio verso Napoli, ripercorrendo gli itinerari dell'apprendistato di artigiani costretti all'espatrio dai vincoli statutari della più antica corporazione liutaria d'Europa, quella di Füssen, risalente al 1562.

Cominciato per molti in tenera età e condotto presso le botteghe di liutai attivi nelle diverse città italiane, sedi delle più rappresentative comunità di connazionali (Venezia, Padova, Firenze, Roma), le loro tappe sono testimoniate dalle dichiarazioni degli stessi liutai, riportate alla luce attraverso lo spoglio di un considerevole numero di documenti d'archivio. La ricerca condotta apre uno spaccato sul sistema produttivo liutario, offre un'analisi dei costi di produzione e vendita, delle dinamiche della distribuzione delle materie prime utili alla realizzazione degli strumenti musicali da loro prodotti. Lo studio fa luce sulle particolarità e la caratterizzazione dell'insediamento sul territorio cittadino, sugli aspetti legati alla gestione delle attività, sulle scelte dettate dalla committenza e dal mercato. L'attività dei liutai tedeschi a Napoli viene ricostruita attraverso la precisa identificazione delle botteghe, dei costi di locazione, delle frequentazioni sociali, specie quelle religiose vissute nell'ambito della confraternita di Santa Maria dell'Anima. Ampio spazio è dedicato alla committenza liutaria e all'intreccio delle vicende dei liutai tedeschi con quelle dei più celebri pittori e musici attivi nella Napoli del tempo.

Il testo non manca di trattare un aspetto a dir poco affascinante, l'inusuale, contemporanea attività di liutai e musici di origine bavarese attivi a Napoli anche nel ruolo di alabardieri al servizio della Guardia vicereale. Il lavoro si completa con la presentazione di circa ottanta voci biografiche di dizionario, in gran parte inedite. Il volume è corredato, inoltre, di un CD-ROM contenente la trascrizione dei documenti d'archivio consultati e una parziale presentazione di immagini degli stessi.

Luigi Sisto è docente di Storia degli strumenti musicali presso l'Università degli Studi di Roma 'Tor Vergata'. Violinista e violista, si è laureato in lettere moderne ad indirizzo musicale sotto la guida di Agostino Ziino presso l'Università di Napoli 'Federico II'. Dopo aver frequentato un master in conservazione dei Beni musicali e nuove tecnologie presso le Università di Parigi Saint-Denis e Sorbonne, ha conseguito il dottorato di ricerca in Storia, scienze e tecniche della Musica presso l'Università di Roma 'Tor Vergata' sotto il tutorato di Renato Meucci e Agostino Ziino. I suoi interessi di ricerca sono orientati prevalentemente verso la storia della musica e l'organologia napoletana del Cinquecento e del Seicento. Ha prodotto studi scientifici per gli editori Brepols, Olschki, Libreria Musicale Italiana, Electa, Sanfilippo, Edizioni Scientifiche Italiane, AOC e ISMEZ.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.