LA VILLANELLA NAPOLITANA. Storia, Autori e raccolte - Alessandro De Simone

LA VILLANELLA NAPOLITANA. Storia Autori e raccolte - Alessandro De SimoneAutore: Alessandro De Simone
Titolo: La Villanella Napolitana
Sottotitolo: Storia, Autori e raccolte
2 volumi
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 23 x 15); 989 pagine complessive
Luogo, Editore, data: Napoli, Edizioni Musicali S. Simeoli, 2019
Collana: 
ISBN: 9788894217179
Prezzo: Euro 48,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni




INDICI
Tomo I
Parte Prima
Storia, autori e interpreti
l. Il mito delle origini: tra oralità e scrittura
2. II contesto: tra storia e metastoria. Carnevale contadino e teatro delle
3. Terra di lavoro e canti rituali.
4. Voci e strumenti
5. Forme metriche e . musicali
6. Gli autori e le raccolte
- La prima raccolta di Canzoni Villanesche alla Napolitana del 1537
- Giovan Thomaso di Maio
- Giovan Domenico del Giovane da Nola
- Giovan Tomaso Cimello
- Vincenzo Fontana
- Gian Leonardo Mollica detto dell'Arpa
- Giovan Leonardo Primavera
- Giovanni Giacomo de Antiquis e la raccolta barese
- Antonio Mazzone di Miglionico e la Corona delle Napolitane
- Antonio Scandello e la villanella -oltre" Napoli„
Bibliografia essenziale

Parte Seconda
Le Raccolte
(1537 — 1546)
1. Canzoni villanesche alla napoletana, 1537
2. Canzon villanesche di Thornaso di Maio, 1546
3. Canzoni villanesche di Giov. Domenico del Giovane da Nola. Libro primo e secondo, 1541
4. Canzone villanesche di Giov. Thomaso Cimello. 1545
5 Canzoni villanesche di Vincenzo Fontana, 1545

Tomo II
Le Raccolte
(1566 - 1582)

6. Villanelle alla Napolitana a tre e a quattro voci di D. Gio da Nola, 1570
7. Libro primo delle Canzone Napolitane a tre voci di Gio. Leonardo Primavera,
8. Libro secondo
9. Libro terzo
10. Villanelle Napolitane a tre voci de diversi Musici di Barri, libro primo e secondo,
11. Corona delle Napolitane a tre e a quattro voci di diversi Eccellentissimi Musici. Libro Primo, 1572
12. Canzoni Napoletane a quattro voci di Antonio Scandello,1566
13. Moresche di Orlando di Lasso. 1582
Appendice
Indice alfabetico delle villanelle:
A bon sinno credivi ch'io t'amasse
A chi vol chieder del mio mal
Ad altre lo voi dare 'ste passate
Ahime che co'l partir mi manc' il core
A ch' preposto tant'a villi villi
Ahime, ahime che la fortuna m'è
Al primo sguardo mi rubasti il core
All'armi, all'armi o fidi miei pensieri
Amor tu che poi vincer ogn'impresa
Alla la pia calia
Amor lasciami stare
Amor m'ha disfidato alla battaglia
Amor m'ha fatto deventar fenice
Amor m'ha fatto deventar fenice
Amor sia benedetto
Amor sia benedetto
Ardo moro languisc'e chiegio aita
Ardo per voi, Madonna, e mi consumo
Bella che tieni li capilli d'oro
Bella Smiralda mia che di colore
Bellezza ch'empi il ciel di maraviglia
Bellezza che nel cor m'hai posto'l foco
Ben mio vorria saper dove sei gita
Boccuccia d'uno persico apertuoro
Bon cacciator giammai non perse
Bon zorno, madonna, ben vegnua
Bona sera, come stai core mio
Campare di speranza sempre mai
Canta Giorgia che bede namolata
Cantar voglio sempre e star in gioco
Cathalina apra finestra
Che cos'al mondo mai saria piu bella
Che giov', o donna, metterm'in
Che posso far s'ho perso il mio
Che seria che seria
Che sia malditta l'acqua sta matina
Che t'ho fatto crudel perché raggione
Chi cerca de vedere donne belle
Chi cerca navigar per alto mare
Chi dirrà mai ch’in donna sia
Chi la gagliarda, donne, vo’ imparare
Chi t'ama e chi t'adora
Chi vol veder la dea de la bellezza
Chi vol veder quantunque può natura
Chichilichi? Cucurucu?
Cingari simo venit’a giocare
Come arò cor mio quando mi parto
Con ceppi e con catene
Con quessa bella mano
Cor mio ritorna' hormai
Core mio bello cor'inzucherato
Correte o scuri amanti
Correte tutti quanti
Cors'a la morte il povero Narciso
Cossì ti ingriffi come basalisco
Credeva che la fiamma si stutasse
Credimi vita mia, credim'un poco
Crudel a che mi dai
Da poi che tu crudel mi desti morte
Da poi che tu crudel mi desti morte
Da tuoi begli occhi usciro le facelle
Dal desiderio nacque l'amor mio
Dal desiderio nacque l'amor mio
Dal giorno ch'io ti vidd', ò mussotella
Dammi pur affann'e pene
Datemi pac'o duri miei pensieri
Deh fin andiamo tutti tre vestiti
Deh quante men de fai de st'intramese
Deh, quando ti veggio a sta fenestra
Dhe lasciatemi star tanti pensieri
Dhe prima vera quando son li fiori
Di quante belle stanno a sto paese
Dimme Madonna se voi ciambellare
Diru diri dirido padrona mia
Dite'o mio caro sole
Dolc'amorose e leggiadrette ninfe
Dolce m'è per tuo amor donna morire
Dolce miseria
Dolce nemica mia perché mi vieti
Donna bella gentil voglio che saccie
Donna ch'avanzi ogn'autra di bellezze
Donna crudele tu m'hai rubato il core
Donna gl'è ben raggione
Donne leggiadre e voi vaghe donzelle
Donne noi siamo cacciator perfetti
Donne perché mi fuggi quando vedi
Dopo ch'io viddi la tua gran bellezza
Dormendo mi sonniava
Dove nascesti o viso angelicato?
Dove ti stai, cor mio, ch'io non
E di quanto bene da sto mondo uscivi
Ecco la nimpha Ebraica chiamata
Fatti li fatti tuoi Madonna Perna
Fiora che di beltà sei rara al mondo
Fiorite valle amene
Fontana che dài acqua a doi valluni
Foschina gentil padrona mia
Fra quante donne son' al mondo belle
Fronte seren'avvolta in trezze d'oro
Fuggend'il mio dolor io m'er'asciso
Fuggi donna quanto voi
Fuggimi quanto voi faccia mia bella
Fuggit'amore, o voi che donn'amate
Gia mi credea passar mio tempo
Gioia ch'avanzi tanto di bellezza
Gionta l'hor'e mi conviene partire
Giva cogliendo fiori una mattina
Giva cogliendo fiori una mattina
Gl'occhi la bocca'e la tua leggiadria
Gli occhi toi son due moricolelle
Gran temp' è stato c'ho desiderato
Guarda de chi me ivi annamorare
Guerra, guerra cercam', oh donne
Hai, Lucia, bona cosa, io dice a tia
Lucia, celu, hai, hai, hai, hai, hai
Hanno raggione affè queste citelle
Haveva na gallina capelluta
Havimo fatto vuto a San Chiomiento
Hier ser'andai da la mia manza bella
Ho vist'una marotta far na danza
Ianni dell'uorto se n'addonaria
Il giorno per amore
Il prim'assalto che mi diede amore
In tutto voi ch'io mora, o traditora
Io disprezzav'amor tua fiamm'ardente
Io grido sempre: hayme! ma non son
Io navigai un tempo per un mare
Io dich’è sturno et dici ch’è paporo
Io pastenai li frutte & altro coglie
Io persi lo mio cor ad un'impresa
Io segua chi mi fugg'e se nasconde
Io son ferito, ahi lasso, e chi mi diede
Io ti vorria contar la pena mia
Io vò cercando o belle donn'il core
Io vo' cercando e mai posso trovare
Io volo com'al vento e stong'affitto
L'altri ieri intisi dicere a Galluccio
L'amor'è come male destinato
L'imperatore prepara gran guerra
La carra fè ci porg'ogni speranza
La cortesia voi donne predicate
La persona che và
La persona che va'
La prima volta ch' io ti risguardai
La signoria ha fatt'un gran consiglio
La villanella quand'all'acqua và
Le gioie dell'amanti
Le fave ch'o chiantate al mio iardino
Li toi bell'occhi rilucenti foro
Lucretia gentil, Lucretia bella
Madonna a gl'occhi mi sei tanto bella
Madonna io non haggio fatt'errore
Madonna io non lo so perché lo fai
Madonna io non so far 'sto gius’e suso
Madonna io vengo a te per palesare
Madonna mia la vostra alma bellezza
Madonna mia pietà chiam'et aita
Madonna non so far tante parole, 539
Madonna nui sapimo ben iocare, 196
Madonna quanto più stracii mi fai
Madonna saccio ca pòi ma tu non
Madonna tu me pare na bella pica
Madonna tu mi fai lo scorucciato
Madonna tu sei intrata in frenesia
Madonna voime fare una camisa
Madonna, “non è più lo tiempo antico
Madonna, ciaula mia de campanaro
Madonne “a tre per tre” ve disfidamo
Mai più donna mi voglio innamorare
Mai più me fido a femene trafane
Mai più me fido a femene trafane
Maldetta sia mia sventurata
Male per me tanta beltà mirai
Maraviglia non è s'io fui ferito
Medici nui siam, oh donne belle
Megli'è parare turd'a lo lentisco
Menar vò sempre mai mia vit'in
Meschina me chi nova langella
Mi porg'un tant'ardor vostro bel lume
Mill'anni sono ch'io non t'hagio vista
Mill'anni sono ch'io non t'hagio vista
Mille volte dicia
Mira la villanella
Miracolo non è
Miracolo non è, 491
Mirat'in quante form'amor mi muta
Mostrata haggio a tre zingare
Na vecchiarel al campo di San Polo
Na volta mi gabbasti, oh losinghera
Ne fior si ved'o frondi
Ne tempo mai ne loco
Nel principio ch'io fui di te soggetto
'No dì fo' tanta coppia de froncille
'No giorno t'hagio havere intra ste mane
'No mano muzz'andò a furare pere
Noi tre, madonna, stamo al Pendino
Non è cosa ch'io miri
Non è cosa ch'io miri
Non è più certa cosa, amaro mene
Non me venire a me coss' intramese
Non restarò giamai di sospirare
Non sia ch'in donna mai metta
Non sia chi dica ch'una donna è bella
Non t'ho possuto mai donna
Non ti maravigliar, Donna, s'io canto
Nu mutto si ritrov’al calandario
Nui simo commissari tutti trene
O ardenti miei sospiri
O core di diamante
O cruda gelosia perché mi vieti
O dio che pena grande che martire
O dio per che non vedi
O Dio se tu conosci quanto t'amo
O dolce mia vita non mi far guerra
O dolce mia vita non mi far guerra
O faccia belle più che ne la rosa
O faccia de fiorito praticello
O Felice o beato o glorioso
O mala cosa volere amare donna
O saporito volto
O tiempo buon'e chi me t'ha levato
O trezze bionde, anci capelli d'oro
O vecchia, tu che guardi ste citelle
O vita mia s'io v'amo anzi v'adoro
Occhi leggiadri e cari
Occhi miei lassi che pianget'ogn'hora
Occhi miei lassi mentre ch'io vi giro
Occhi miei oscurat' è'l nostro sole
Ogn'hor dirò capelli stralucenti
Ogni donna per te post'ho in oblio
Ogni iurno mauditto a chi favelli
Ognun s'allegra e vivi in festa
Ognuno sap'hormai la pena mia
Oh anime devote in charitate
Oh belle fusa chi ne vò accattare
Oh dio che fusse penta rennenella
Oh Dio, se vede chiaro ch’io
Oh dolce vita mia, che t’agio fatto
Oymè dolente channe fui nivino
Pannuccio verde tu mi dai speranza
Par deo, cha te conosco quanto pisi
Pascomi sol di pianto e vivo in pene
Passan, Madonna, com'al vento gl'anni
Passan, madonna, com'al vento
Pensai più d'ogni amante esser
Per 'ss'occhi de mecidio che hai
Per negarmi mercede
Per voi vivo mia donna in
Perché fuggi da me, donna crudele
Perché n'ascolti mie meste parole
Perché non m'ami o vita mia s'io
Pietà, pietà del tuo fidel soggetto
Poi che sei così forte scropulosa
Preparati madonn'a darm'aita
Pria vedrete Madonna arder il mare
Qualunque giostr'all'amorosa impresa
Quando mirai ssa faccia bella d'oro
Quando miro i capelli
Quando signora il tuo bel viso veggio
Quando vego sta vechi'a la di una
Quando vi veggi' andar donn'in
Quando vidi madonn'i bei vostr'occhi
Quanto debbe allegrarse la natura
Quanto debbe allegrarse la natura
Quanto piu miro la tua gran bellezza
Quanto più posso mi ti raccomando
Quanto so più de voi, donna, soggetto
Quella ch'in suo poter tien el mio core
Quest'è la prima de le mie querelle
Questa donna crudel ch'è tanto bella
Questo mio bene s'assomiglia all'esca
Questo se dice a lo paese mio
S'io canto e tu mi spacci per cicala
S'io havessi tantillo di speranza
S'io havessi tantillo di speranza
S'io mir'ho male e s'io non mir'ho
S'io son d'ogn'altr'amante il più fidele
Sa che te dic'amor lassame stare
Sta vita quand'è allegr'e quand'è mesta
Sacio na cosa che di legno e tonda
Sai che me disse vava Mariella
Scacchier'e deventato lo mio core
Sciolt'è quella catena ch'ad ogn'hora
Scontrai una fantina ballalilo
Sdegnato un giorno quel crudel
Se de la vita mia tu sei signora
Se del mio gran tormento
Se di longa mi trovo vita mia
Se fusti del mio amor tu la cagione
Se per sentir dolore se po morire
Se senza cuore può campare
Se subito non facci'o vita mia
Se ti nascondi tu mi fai morire
Se tu pensassi che cos'è vecchiezza
Se vedo la tua fronte misurata
Sempr'ho fuggito amor questa
Sento tal foco e fiamma
Sento un tal foc'ardente
Sì ch'è lo vero che non ha l'amore
Sì troppo bella ma sì miciata
Sia maledett' amor e tu crudele
Signora io penso a quel che tu non
Signora la bellezza e gratia vostra
Signora mia voi sete tanto bella
Signora par ch'el ciel v'ha fatt'a posta
Signorella, signorella
Son 'namorato e sentomi morire
Son molti giorni, haime, c'ho perso
Sospira core che raggione n'hai
Sospira core che raggione n'hai
Stanotte me sonnai na vidovella
Stava felice il dì al mio diporto
Tanti migliara di pen'e martire
Tira tira pensier vatten da quella
Tre donne belle fanno gran battaglia
Tu m'hai donna ferito hor te ne vai
Tu m'hai lassat'alla bon'hor sia
Tu m’hai redut’a pettini de quindici
Tu mi fai star scontiento et infelice
Tu sai che da citella t'hagio amata
Tu sai che la cornacchia ha questa
Tu sai madonna mia ch'io t'amo
Tu sei la causa de la morte mia
Turco, giudeo, moro
Tutta s'arissi bella, donna mia
Tutte le donne portano le perle
Tutte le vecchie sono maleciose
Tutti lo male che va fand'amore
Un temp ogn'hor piangeva
Un temp'ogn'hor piangeva
Un tempo vissi in gioia hor vivo
Una lampuca ho visto co na groya
Va' fidate di donna capriciosa
Viver amando e morir disperato
Vorria che tu cantassi una canzone
Va' figlia bella che mi so' adonato
Vecchia che poczi vivere mill'anni
Vendimo, o donne belle, st’insalate
Venga quel bel Narciso che nel fonte
Venimo a salutarte a sta contrata
Venimo tre soldati
Veniteve a pigliar' la cardelora
Venuto'l maggio ch'invit'a cantare
Vi la vi quella crudel
Vidi non gran miracolo l'altr'hieri
Villanella ch'alla'acqua vai
Vincavi la pietà del vero amore
Vita mia bella poiché tanto t'amo
Viva fiamm'e vivo foco
Viver amando e morir disperato
Voglia me vene monacho me far'
Voglio di me si dica'in ogni loco
Voi cognoscite Donno Valentino
Voria per art'o per natur'havere
Voria per arte o per natura havere
Vorria che tu cantassi una canzone
Vorria crudel tornare

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.