PICCINNI E L'OPERA BUFFA. Modelli e varianti di un genere alla moda - Stefano Capone

piccinni e l opera buffa stefano caponeAutore: Stefano Capone
Titolo: Piccinni e l'opera buffa. 
Sottotitolo: Modelli e varianti di un genere alla moda
Descrizione: In 8°; pagine 232.
Luogo, editore, data: Foggia, Edizioni del Rosone, 2002
Prezzo: Euro 15,00
Disponibilità: In commercio

La Cecchina di Niccolò Piccinni, che Goldoni aveva liberamente tratto dalla Pamela di Richardson, è considerata - con la Nina pazza per amore di Paisiello e Il matrimonio segreto di Cimarosa - una delle tre opere universali del Settecento, il definitivo trait d'union tra Napoli e Venezia, il passaggio dall'opera comica napoletana all'opera buffa veneziana, il modello guida al quale finirono per aderire molti operisti coevi.

Questo libro analizza le dinamiche del dramma giocoso veneziano e dell'opera buffa napoletana, i problemi di costruzione di una nuova poesia da teatro sempre più legata alle esigenze della musica, più disponibile a tagli, modifiche, adattamenti, calchi.

L'opera buffa riuniva in sé le tradizioni degli intermezzi, della commedia popolare e della satira musicale borghese, delle performances all'improvviso e degli spettacoli di prosa. Prima che Piccinni e Goldoni configurassero questo nuovo modello, gli sforzi di numerosi autori e compositori, attivi a Napoli per produrre con successo un teatro musicale comico, ponevano le premesse per il futuro exploit artistico de La Cecchina e anche dei capolavori di Mozart. 

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn