PARTENOPE DA SIRENA A REGINA. Il mito musicale di Napoli - Dinko Fabris

partenope da sirena a regina dinko fabrisAutore: Dinko fabris
Titolo: Partenope da sirena a regina. 
Sottotitolo: Il mito musicale di Napoli
Descrizione: Volume in formato 8°; 324 pagine.
Luogo, Editore, data: Barletta, cafagna, 2016
Collana: Le vie dei suoni
Isbn 8896906237
EAN 9788896906231
Prezzo: Euro 24,00
Disponibilità: In commercio

Partenope nel 1699 fu il primo melodramma dedicato al mito di fondazione della città di Napoli, una delle poche capitali nate su un mito musicale. La canora Sirena di Napoli, Parthenópe (“la virginale”), faceva parte infatti del trio di musiciste donne-uccello sconfitte da Odisseo: sul suo corpo spiaggiato sull’odierna costa napoletana, una seconda Partenope, vergine greca figlia del re di Tessaglia, avrebbe poi fondato la nuova città che ne porta il nome. La narrazione di questo libro, frutto di oltre vent’anni di ricerche, ricostruisce il lungo percorso di costruzione di questo mito, ma non si tratta di un altro libro sulle Sirene, poiché il centro della narrazione non era mai stato esaminato prima: la riappropriazione del mito musicale della Sirena Partenope da parte dei napoletani a fini patriottici.

Durante i due secoli di dominazione spagnola, Partenope rappresentò anche sulle scene teatrali (feste, spettacoli, serenate e soprattutto opere in musica) la principale allegoria della città fino alla piena età borbonica, quando Napoli tornò capitale. La parte finale è dedicata in particolare alla fortuna di Partenope sulle scene operistiche del Settecento (con capolavori, tra gli altri, di Vinci, Händel, Metastasio e Hasse), emblema della città più musicale di quel secolo.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.