LA MUSICA DEL SOLE. Viaggio attraverso l’insuperabile Scuola Musicale Napoletana del Settecento - Enzo Amato

AAA_Immagine_Non_Disponibile_pAutore: Enzo Amato
Titolo: La Musica del Sole
Sottotitolo: Viaggio attraverso l’insuperabile Scuola Musicale Napoletana del Settecento
Prefazione di Vincenzo De Gregorio
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15); 320 pagine + 16 pagine n.n. di illustrazioni a colori fuori testo
Luogo, Editore, data: Napoli, Controcorrente, luglio 2012
ISBN: 9788889015957
Prezzo: Euro 20,00
Disponibilità: In commercio

  Questo libro non vuole essere un trattato sul Settecento Musicale Napoletano, né tantomeno ha la pretesa di fornire al lettore acculturato notizie sensazionali, è semplicemente una riflessione per cominciare a intraprendere un percorso che possa mettere ordine in quella che è la storia della musica in generale, che non può esimersi dal fare i conti con uno dei fenomeni più importanti di sviluppo e consapevolezza musicale che si siano generati in un preciso luogo e in un determinato tempo: la Scuola Musicale Napoletana.

La Scuola Musicale Napoletana, nonostante l'arco temporale in cui si concentra, dal 1685 al 1850 circa, da Francesco Provenzale, Alessandro Scarlatti e Francesco Durante a Saverio Mercadante, Nicola Zingarelli e Vincenzo Bellini, nonostante l'alto numero di compositori rinomati in tutto il mondo dell'epoca, nonostante la copiosa produzione musicale sacra e profana, strumentale e vocale sparsa in biblioteche di mezzo mondo, è rimasta pressoché sconosciuta al grande pubblico.
Questo libro è frutto di anni di ricerca e nasce dalla passione e dalla voglia di scoprire ed ordinare i tasselli di una storia, la storia della musica, anch'essa scritta, fino ad oggi, da chi vuole annientare la cultura dei popoli per controllarli, inducendoli a credere alle cose più inverosimili. A pagarne le conseguenze sono stati i musicisti di scuola napoletana, tra cui Domenico Scarlatti, Pasquale Anfossi, Giovanni Paisiello e l'allievo di Gioacchino Cocchi, Andrea Luchesi. Attraverso la confusione, l'occultamento e la deformazione degli eventi, che sono qui analizzati e smontati punto per punto dalla verità e dalla ragione, la storiografia predominante ha mitizzato la Wiener Klassik, di cui Wolfgang Amadeus Mozart è il massimo esponente. Tutto questo in nome della Grande Opera, che non può prodursi se non attraverso uno stato di putrefazione e di dissolvimento: non si può giungere al Nuovo Ordine Mondiale se non attraverso un disordine scientemente organizzato.

ENZO AMATO è chitarrista, compositore, direttore d'orchestra. Tra i suoi maestri figurano Stefano Aruta, Marialuisa Anido, Leo Brouwer, Argenzio Jorio, Franco Donatoni e Franco Caracciolo. Ha condotto contemporaneamente studi sul Settecento musicale napoletano riportando alla luce innumerevoli capolavori di questa scuola. Direttore stabile dell'Orchestra da Camera di Napoli.

Nel campo della didattica e della ricerca ha tenuto corsi di Semiotica della Musica presso l'Università Popolare dello Spettacolo di Napoli; ha diretto il Dipartimento Artistico dell'Università Popolare di Caserta e corsi di aggiornamento riconosciuti con decreto dal Ministero della Pubblica Istruzione in Didattica Strumentale dedicato a docenti di Conservatorio e di Scuole Medie Musicali. Tra le sue produzioni discografiche ricordiamo: Sinfonie Napolitane (1998); Insieme (2004); Sinfonie Napolitane (2008).

Ha ricevuto il Premio alla Cultura della Presidenza del Consiglio dei Ministri per il 1998 e il Premio Internazionale Domenico Cimarosa nel 2012. La sua biografia è presente su Enciclopedia Italiana dei Compositori Contemporanei (Pagano), Enciclopedia della Chitarra (Michelangelo) e Klassik Lexicon di Radio Swiss Classic.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.