FESTE ED APPARATI CIVILI E RELIGIOSI IN NAPOLI DAL VICEREGNO ALLA CAPITALE. - Raccolti, commentati e descritti da Franco Mancini

feste_ed_apparati_in_napoliAutore: Franco Mancini
Titolo: Feste ed apparati civili e religiosi in Napoli dal viceregno alla capitale.
Descrizione: Volume rilegato in tutta tela editoriale bordeaux, con tassello il pelle con titoli oro al dorso, in formato 'in folio' grande (cm 50 x 35), pp. 312, (4); 152 + 52 illustrazioni in nero nel testo, 12 tavole a colori applicate fuori testo, 32 tavole di disegni fuori testo e 6 grandi tavole ripiegate che riproducono opere d'arte relative agli apparati civili, religiosi e funebri, per le "Feste" napoletane, dal Sei all'Ottocento. Edizione non venale di 1.200 esemplari. Omaggio del Banco di Napoli al Cavaliere del Lavoro, Dottore F. R.
Luogo, Editore, data: Napoli. per le Edizioni Scientifiche Italiane, 1968.
Prezzo: Euro 300,00
Disponibilita': 1 esemplare disponibile

 

 

Quando nel 1968 le Edizioni Scientifiche Italiane pubblicarono Feste ed apparati civili e religiosi in Napoli dal Viceregno alla Capitale, Franco Mancini aveva già prodotto per lo stesso editore Scenografia napoletana dell’età barocca (1964) per la collana di «Storia dell’architettura» di Roberto Pane. In Feste ed apparati civili e religiosi in Napoli, Mancini ampliava lo studio della scenografia dal teatro alle feste civili e religiose, popolari e non.Tutti gli strumenti d’indagine venivano impiegati con metodo nuovo, dagli ’Avvisi’ napoletani alla ricca messe di stampe – all’epoca perlopiù inedite o oggetto di puro antiquariato – sino all’analisi delle fonti e dei rapporti tra le arti a Napoli alla luce dell’esperienza dell’effimero. Questo approccio ha indicato nuovi percorsi di ricerca per la storia del mutare delle forme di feste ed apparati, collocata da Mancini sulla strada maestra dello sviluppo artistico di Napoli. L’autore ha dimostrato quanto l’effimero sia stato il terreno di coltura delle altre arti, spesso preannunciandone i cambiamenti. Ora che una mostra dedicata all’Effimero Barocco a Napoli vuole verificare l’attualità e gli esiti di queste interazioni tra le arti, il libro di Mancini mostra tutta la forza delle argomentazioni espresse quasi trent’anni fa. La ristampa anastatica gli restituisce quel ruolo di punto di riferimento negli studi storico-artistici, che da tempo merita e avvicina sia il mondo degli studi sia un pubblico più ampio ad una delle stagioni più intense delle arti a Napoli.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.