USI E COSTUMI DI NAPOLI E CONTORNI DESCRITTI E DIPINTI - Francesco De Bourcard

Usi  e Costumi DeBourcardAutore: Francesco De Bourcard
Titolo: Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti.
Con 99 riproduzioni a 8 colori di: Filippo Palizzi - Nicola Palizzi - Teodoro Duclere - Paolo Mattei . T. Ghezzi - Carlo Martorana - Saverio Altamura.
Testi di: Bidera - Coppola - Cossovich - Dalbono - de Bourcard - de Lauzieres - Mastriani - Orgitano - Quercia - Regaldi - Rocco.
Ristampa anastatica dell'edizione napoletana pubblicata dall'Editore Nobile nel 1858.
Descrizione: Opera in due volumi rilegati in similpelle, con titoli in oro al dorso e fregi al piatto, in elegante cofanetto rigido editoriale illustrato; dimensioni: cm 24 x 17; pp 664 complessive; 99 riproduzioni a 8 colori.
Di quest'Opera, riprodotta in anastatica, è stata realizzata una tiratura di 555 esemplari di cui: 499 numerati in numeri arabi da 1 a 499; 51 numerati in numeri romani da I a LI; 5 dedicati "ad personam".
Luogo, Editore, data: Napoli, Marotta & Marotta. 2002
Prezzo: Euro 120,00
Disponibilita': limitata

 

Vent'anni impiegò, dal 1847 al 1866, Francesco de Bourcard per realizzare i due grossi volumi dedicati agli 'Usi e costumi di Napoli e contorni descritti e dipinti'. Un'opera preziosa, sia per l'accurata descrizione di usanze del tempo, di personaggi popolari, feste, cerimonie, culti, che per i cento disegni acquerellati che 'dipingono' le descrizioni. Il libro è un'altra testimonianza dell'interesse che avvinse a Napoli scrittori di vari paesi : il De Bourcard era oriundo svizzero, nipote del Maresciallo De Bourcard capitano generale del Regno di Napoli, distintosi nella guerra dei sette anni e nella presa di Roma nel 1789-99. Il nipote si napoletanizzò perfettamente, studiò le cose di Napoli, volle offrire un atto di amore alla terra in cui era nato, dedicandosi alla non lieve fatica di mettere insieme scrittori e artisti in un'opera che - anche per la parte grafica - può dirsi monumentale per quei tempi. I testi furono scritti da Giuseppe Regaldi, C. T. Dalbono, Francesco Mastriani, Emmanuele Rocco, Emmanuele Bidera, Enrico Cossovich ed altri del mondo letterario napoletano di meta' Ottocento. I disegnatori furono il Duclère, il Ghezzi, l'Altamura, Nicola Palizzi e il fratello di questo, il gran Filippo, che descrisse quasi la meta' dei soggetti, quarantasette su cento.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn