LA TAVOLA STROZZI TRA NAPOLI E FIRENZE - Giulio Pane

La_Tavola_Strozzi_Grimaldi_pAutore: Giulio Pane
Titolo: La Tavola Strozzi tra Napoli e Firenze
Sottotitolo: Un'immagine della citta' nel Quattrocento
Descrizione: Volume in formato oblungo (cm. 22,5 x 24,5), su carta patinata semilucida, di oltre 150 pagine con circa 60 tavole a colori, in grande formato, accompagnate da numerose didascalie illustrative.
Luogo, Editore, data: Napoli, Grimaldi & C.
Prezzo: Euro 30,00
ISBN13: 88-89879-36-X
Disponibilita': In commercio

 

Da quando, nel 1904, la Tavola Strozzi venne scoperta da Corrado Ricci nei saloni del palazzo del principe Carlo Strozzi, e fino ai nostri giorni, il dipinto è stato sempre considerato una delle rappresentazioni urbane piu' antiche e preziose della citta' di Napoli in eta' aragonese. Legato alla vicenda personale di Filippo Strozzi, il mercante e banchiere fiorentino che soggiornò a Napoli per almeno venticinque anni, godendo del favore dei regnanti, il dipinto – conservato oggi presso il Museo di S. Martino – ha suscitato fin dalla sua prima presentazione, ad opera di Benedetto Croce, un grande interesse per il suo valore documentario ed ha stimolato insieme ogni possibile ricerca sul suo soggetto, sul suo autore e sul contesto storico nel quale esso fu concepito. Questo saggio si propone una nuova lettura del dipinto, attraverso il riesame delle fonti e la discussione delle diverse posizioni critiche emerse nel corso di oltre cento anni.

Ne risulta, anche con l'apporto di nuovi riscontri documentari, una rinnovata valutazione dell'opera, una disamina scientifica del suo valore testimoniale, una stimolante esplorazione critica delle fonti e infine una serie di ipotesi sul contesto culturale entro cui esso può essere collocato.

Le tavole a colori, in grande formato, sono accompagnate da numerose didascalie illustrative, che indagano le diverse interpretazioni del dipinto e ripercorrono criticamente la sua rilevanza topografica e storica, rivelano e illustrano l'organizzazione della vasta delineazione urbana, le tracce dei ripensamenti, le vicende alle quali esso fu legato, il contesto politico entro il quale l'opera maturò, nella seconda meta' del Quattrocento, per restituirci una delle immagini piu' affascinanti della citta'.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.