LA PIANTA DI DUPERAC-LAFRERY - Leonardo Di Mauro

La_Pianta_Duperac_Lafrery_pAutore: Leonardo Di Mauro
Titolo: La pianta Dupérac-Lafréry.
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 16,5); 24 pagine (le pagine numerate da 1 a 8 costituiscono un unico foglio ripiegato piu' volte e riportano la miniatura della Pianta in cm 62 x 31, tutte le altre pagine riportano ingrandimenti di alcuni particolari.
Luogo, Editore, data: Napoli, Elio De Rosa, 1992
Collana: Le Bussole. N. 4
Disponibilita': No 

La pianta in due fogli incisa da Étienne Dupérac e stampata a Roma nel 1566 da Antoine Lafréry è la principale rappresentazione cinquecentesca di Napoli.

I limiti del territorio rappresentato sono ad oriente il Ponte della Maddalena, lo stradone per Poggioreale e il borgo di Sant'Antonio Abate; a nord la collina di Capodimonte; la chiesa di S. Maria di Piedigrotta ad occidente.



La data di edizione è contemporanea alle prime prammatiche vicereali e ad una delle piu' antiche descrizioni della citta' di Napoli, quella di Giovanni Tarcagnota.

Con l'estrema precisione del rilievo la pianta - in questa "bussola" riprodotta integralmente e letta nei particolari - sembra rispondere alla domanda che nel 1566 si poneva il Tarcagnota :"0ra per gratia ditemi chi mi sapra' mostrare di qui a cento anni dove fosse porta Petruccia, porta Reale, porta di San Spirito, porta Donnorso? Chi mi sapra' di qui a poco mostrare dove la Duchesca si fosse? Chi dimandasse, di qui a cento anni, dove il Tribunale della Vicaria, o della Summaria, o del Sacro Consiglio si fosse, come saprebbe huomo renderne conto, se da alcuno scrittore non se lasciera' qualche memoria ai posteri?".

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.