I BRIGANTI ITALIANI - Mario Monti

I_Briganti_Italiani_pAutore: Mario Monti
Titolo: I Briganti Italiani.
Prefazione di Nico Naldini.
Prima edizione: Longanesi & C., 1959
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 20,5 x 14); 520 pagine; 9 illustrazioni in b/n nel testo.
Luogo, Editore, data: Napoli, Partagèes, dicembre 2005
Prezzo:
ISBN: 8874313012
Disponibilita': No

 

I briganti italiani è un felice esempio di letteratura di "ricostruzione", egualmente nutrita da un fondo storico e da una sincera capacita' inventiva. Mario Monti raccoglie gli episodi culminanti che riguardano quattro briganti dell'Italia del sud, dietro i quali si intravede una realta' civile che è storia viva della nostra condizione nazionale. Si va dal tempo napoleonico di Fra Diavolo, agli anni che immediatamente seguono l'Unita' d'Italia, con Crocco, nostalgico dei Borbone per convenienza.


Protagonisti e briganti minori, gente delle citta' e delle contrade meridionali, sono ritratti con toni vivaci e nobili, talora realisticamente come in un libro di memorie e talora in maniera pittoresca come nelle stampe popolari, sempre con immediatezza che sa toccare il lettore e stabilire ritratti convincenti.

Scontri e grassazioni, inseguimenti, beffe, fughe, passioni, vendette, amori sono raccontati con garbo, ravvivati dai particolari dell'informazione e soprattutto dall'immaginazione dello scrittore.

"Guai ai prepotenti, se l'uomo conoscesse la forza che sta nelle sue mani... Quando nella mia provincia al grido di Viva Vittorio, viva Garibaldi, viva l'Unita' e la Fratellanza! il popolo era in grande gioia e in grandi feste, chi avrebbe detto che, dopo pochi mesi, questo popolo festevole dovesse trucidarsi a vicenda, e perché? Bastarono una sola parola e la turpitudine di pochi uomini che si facevano chiamare signori, erano signori, sono signori e saranno sempre signori, perché i governi sono sempre ciechi e fucilano le lucertole, mentre si allevano in seno i serpenti velenosi e sterminano le piccole serpentucole come me... "
Costoro non furono semplici ladroni o assassini, ma impersonarono spesso una opposizione, cieca o cosciente, alle prepotenze e alle ingiustizie subite dai loro compatrioti piu' poveri; e oggi possono apparirci quasi i precursori di quegli agitatori e di quei ribelli che, con gli anni, avrebbero costituito una resistenza organizzata e riconosciuta per la difesa degli interessi sociali.
Mario Monti


Mario Monti (1925-1999), figlio di Giovanni Monti fondatore della casa editrice Longanesi & C., succede a Leo Longanesi nella direzione editoriale dal 1956 al 1979. Pubblica il suo primo romanzo Il mare chiama, edito da Primi Piani con prefazione di Elio Vittoriani, nel 1942 a sedici anni. Seguono per Longanesi & C. I pirati (1951) e I briganti italiani (1959), da cui è tratto il film omonimo di Mario Camerini con Vittorio Gassman e Ernest Borgnine.

Nel 1969 Bompiani pubblica il romanzo Acqua, premio internazionale Charles Veillon 1970. Escono poi da Longanesi & C. Gli esploratori e Gli eroi dei due Poli (1970) e il romanzo Il nascondiglio (1975). Da Bompiani pubblica ancora Passarono di qui (1981), storia delle guerre indiane in America e dei loro celebri Capi, II Guerriero dalle ali spezzate (1990), sugli scontri con gli indiani Seminole negli anni precedenti la guerra civile, e Un gran bel mondo (1995) romanzo ambientato tra le grandi famiglie della Milano del Novecento.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.