ANALISI POLITICA DEL BRIGANTAGGIO NELLE PROVINCIE MERIDIONALI – Tommaso Cava

analisi_politica_del_brigantaggio_nelle_province_meridionali_tommaso_cava.gifAutore: Tommaso Cava
Titolo: Analisi politica del brigantaggio nelle provincie meridionali
Sottotitolo:
Descrizione: Volume in formato 8°; 84 pagine.
Luogo, Editore, data: Brindisi, Trabant
Collana: Pillole per la memoria
ISBN: 978-88-96576-82-3 9788896576823
Prezzo: Euro 9,36
Disponibilità: In commercio

Il brigantaggio meridionale successivo all’unità d’Italia ebbe molte sfaccettature, tra le quali una, oggi forse dimenticata, di lotta politica contro il nuovo stato unitario a favore della spodestata dinasta borbonica. Tommaso Cava, ex militare dell’esercito napoletano, fu testimone di quegli avvenimenti

e in questo pamphlet del 1863 analizza il fenomeno del brigantaggio politico per rivendicarne la legittimità e distinguerlo dai casi di delinquenza fine a sé stessa. Ne scaturisce un atto di accusa contro i liberali ottocenteschi, colpevoli, secondo l’autore, di avere sedotto e abbandonato un popolo, per poi calunniarne la reazione con l’infamante nome di brigantaggio.

Dalla prefazione:
[...] perché il brigantaggio, almeno nelle sue prime fasi, aveva avuto un carattere eminentemente politico. Nel corso del tempo questo aspetto è un po’ sbiadito, e l’uomo comune ha spesso pensato al brigante come a colui che delinque per ribellarsi alla sua sfortunata condizione sociale.
In sostanza, una versione più popolaresca – e più violenta – di Robin Hood. Eppure il fenomeno delle bande, almeno inizialmente, aveva avuto spesso carattere politico prima che sociale. I briganti sostenevano di combattere non per reclamare una generica giustizia sociale, ma per restaurare il caduto dominio borbonico. Attaccavano l’esercito sardo; conquistavano, seppur per brevi periodi, interi settori del territorio innalzando la bandiera delle Due Sicilie; compivano rappresaglie contro i liberali che avevano collaborato all’unificazione; il tutto nella convinzione che presto o tardi lo spodestato re Francesco sarebbe tornato alla testa del suo esercito per riconquistare il regno. Non era mistero, d’altra parte, che il fenomeno fosse incoraggiato e spesso finanziato dai legittimisti se non dalla stessa corte borbonica in esilio.

Tommaso Cava (1826-1873) nato a Napoli, fu ufficiale dell’esercito delle Due Sicilie prima e del Regno d’Italia poi. Tra le sue opere: “Difesa nazionale napoletana” (1863).

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.