LE FACCE TRAVISATE CON FARINA. Casalvierani nel brigantaggio postunitario - Chiara Recchia

le facce travisate con farina chiara recchiaAutore: Chiara Recchia
Titolo: Le facce travisate con farina
Sottotitolo: Casalvierani nel brigantaggio postunitario
Prefazione di Guido Pescosolido
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 14); 292 pagine.
Luogo, Editore, data: Ariccia (RM), Aracne, giugno 2016
Collana: 
ISBN: 978-88-548-9101-2 9788854891012
Prezzo: Euro 16,00
Disponibilità: In commercio

Nel triennio 1860–1862 i briganti fecero fuoco e fiamme in tutte le province dell’ex regno delle Due Sicilie. Cosa è rimasto di quei fatti nella memoria collettiva? Oblio, forse rimozione di un periodo doloroso. Eppure il loro ricordo ritorna nei canti, nelle feste, negli spettacoli, addirittura nelle pseudo–rievocazioni storiche, a dimostrazione che l’immaginario collettivo ne ha fatto delle vere e proprie res gestae.
Aggiungere un tassello alla storiografia del brigantaggio in Alta Terra di Lavoro, focalizzandolo su un solo paese, offre un quadro inedito e mette in luce aspetti finora trascurati: soldati sbandati, garibaldini, nazionali, briganti, malfattori, guardie nazionali, camorristi sono categorie con contorni indefiniti, che si precisano inquadrandole nel paese di appartenenza. D’Agostini, Ianni, Iannucci, Fanelli, Petrilli, Vitti, e molti altri, sono i nomi dei protagonisti di questa “epopea paesana”, sebbene, loro malgrado, dalla parte dei cattivi. Per alcuni, pagato il debito alla giustizia, la vita continuò all’estero, in un intreccio di storie che solo in pochi casi sono state ricostruite.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.