IL BANDITISMO NEL MEZZOGIORNO MODERNO TRA PUNIZIONE E PERDONO - Francesco Gaudioso

IL BANDITISMO NEL MEZZOGIORNO MODERNO TRA PUNIZIONE E PERDONO - Francesco GaudiosoAutore: Francesco Gaudioso
Titolo: Il banditismo nel Mezzogiorno moderno tra punizione e perdono.
Descrizione: 
In 8° (cm 24 x 17); pp. 192; illustrato.
Luogo, editore, data: Galatina (Le), Congedo, 2001
ISBN: 8880864025
Prezzo: Euro 20,00
Disponibilità: In commercio

Fenomeno endemico e permanente, il banditismo o fuoruscitismo del Regno di Napoli si presenta, nel blocco dei secoli XVI-XVIII, variamente caratterizzato da una serie di processi e cesure periodizzanti (dalla rivolta masanielliana alla congiuntura del 1799), che lo contraddistinguono sia dalle manifestazioni di pura criminalità, sia dalle rivolte contadine o popolari.

Dopo aver affrontato la questione terminologica, l’autore ha delineato, nel più ampio contesto degli Stati italiani d’antico regime, i caratteri del banditismo/fuoruscitismo nel Mezzogiorno d’Italia dal Viceregno spagnolo sino alle soglie del Decennio francese.

L’assunzione di un arco cronologico così ampio e di un nodo tematico ben definito (le politiche repressivo-premiali) ha consentito, attraverso la comparazione storica e l’intreccio fra la dimensione sociale, politica, legislativa e giudiziaria, di gettare un po’ di luce sui modi della repressione, nonché sulle zone d’ombra dei metodi illegali posti in essere nella persecuzione dei banditi e dei loro complici.

Oltre alle risposte repressive e di prevenzione, sono stati ricomposti, nell’ottica della punizione/perdono, i profili e le politiche premiali finalizzati ad avviare, attraverso uno scambio di favori tra il potere legale e quello extra-legem del mondo banditesco, una serie di trattative e accordi, sostanziati da promesse d’impunità e benefici ai dissociati che collaborassero con gli apparati giustiziali, procedendo alla cattura o all’uccisione dei loro compagni, di cui, in una sorta di rituale macabro, dovevano recidere la testa e consegnarla alle autorità per riscuotere la taglia.

Nel contesto di una società che, pur irrigidita nell’etichetta e nel cerimoniale, rispondeva alla violenza criminale con la tortura, lo spettacolo cruento ed esemplare del supplizio, la prassi di mutilare e squartare i corpi, si veniva così ad incentivare un vero e proprio mercato delle teste, alimentato e legittimato, nella logica dell’impune occidi, dall’esercizio della giustizia privata, che, attraverso la faida e la vendetta, rendeva ancor più conflittuali i rapporti all’interno delle comunità locali.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.