TRA STORIA E STORIE. Banditismo, brigantaggio e milizie civili nel meridione d’Italia dal XVI al XIX secolo - Gaetana Mazza

tra storia e storie gaetana mazzaAutore: Gaetana Mazza
Titolo: Tra Storia e storie
Sottotitolo: Banditismo, brigantaggio e milizie civili nel meridione d’Italia dal XVI al XIX secolo
Presentazione di Marcella Marmo
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 472 pagine.
Luogo, Editore, data: Roma, Aracne, maggio 2015
ISBN: 978-88-548-8413-7 9788854884137
Prezzo: Euro 25,00
Disponibilità: In commercio

Elementi comuni caratterizzano la lotta al banditismo e al brigantaggio dall’epoca vicereale all’età risorgimentale: impiego degli eserciti e ricorso alla repressione e alla premialità. Per la scarsa affidabilità, meno efficace fu l’azione delle milizie civili, che prestavano servizio all’occorrenza, per poi ritornare alle loro attività lavorative.

Nel 1799, nel 1806, nel 1848 e nel 1860 i militi, inquadrati nella G.N., furono addetti alla difesa delle istituzioni governative. Fallimento delle milizie civili e piaga del brigantaggio interessarono anche Sarno, città della provincia di Salerno, che, situata alle pendici di monti coperti da fitte selve, era il luogo ideale per le bande, che, attraverso i sentieri, si spostavano da un paese all’altro. Briganti e manutengoli sarnesi erano soprattutto contadini, che venivano in contatto con le bande, quando si recavano nelle selve per esercitarvi gli usi civici. Per tale peculiarità potremmo definire quello di Sarno “brigantaggio di contiguità”.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.