L'ULTIMO BRIGANTE DEL SUD. Storia della banda Pilone - Gabriele Scarpa

l_ultimo_brigante_del_sudAutore: Gabriele Scarpa
Titolo: L’ultimo brigante del sud
Sottotitolo: Storia della banda Pilone
Prefazione di Lorenzo Del Boca
Inteventi di Alessandro Romano e Gennaro De Crescenzo
Descrizione: Volume in 8° (cm 21 x 15); 152 pagine; illustrazioni a colori.
Luogo, Editore, data: Napoli, Spazio Creativo Edizioni
Collana: Visto da Sud
ISBN: 978-88-97375-01-2
Disponibilità: No

Antonio Cozzolino detto "Pilone" per la sua folta barba, ex scalpellino del Vesuvio ed ex sergente dei Cacciatori, eroe della battaglia di Calatafimi, è stato uno degli ultimi briganti ad arrendersi alle truppe piemontesi. Per oltre dieci anni carabinieri e bersaglieri gli diedero la caccia tentando di stanarlo sui pendii del Vesuvio, dove Pilone che era originario di Boscotrecase, stabilì il suo quartier generale. I piemontesi gli uccisero i genitori e arrestarono la sua donna, ma lui non si arrese mai. Alla fine, tradito da un compagno e "mollato" dalla camorra (che ne decretò la condanna a morte), cadde vittima di un tranello in via Foria a Napoli e fu ucciso a colpi di pugnale a pochi passi dall'Orto Botanico: aveva 46 anni. Nel libro, un giornalista raggiunge il covo del brigante tra le lave delle "Ciaramelle" e si fa raccontare direttamente dal capobanda la sua avventura. Fino a quando in montagna non irrompono i carabinieri. A poco a poco il giornalista rimane affascinato da Pilone e diventa, sia pure segretamente e soprattutto, non potendo scriverlo sul suo giornale, un sostenitore di Cozzolino.

BREVI NOTE BIO-BIBLIOGRAFICHE DEGLI AUTORI:
GABRIELE SCARPA
È nato a Salerno nel 1968, ma è cresciuto a Boscotrecase, in provincia di Napoli. Laureato in Lettere moderne (indirizzo storicocontemporaneo), giornalista professionista, ha collaborato per numerose testate locali e regionali, tra cui “Il Vesuvio”, “Il Giornale di Napoli”, “Roma”, “Il Corriere di Siena” e “La Voce della Provincia”. Ha diretto la rivista del parco nazionale del Vesuvio “Plinius” e l’ufficio stampa della società di calcio AC Savoia 1908. Fino al 2008 ha lavorato al quotidiano “La Verità-Napolipiù” come responsabile del settore Cronaca. Attualmente collabora con il quotidiano “Metropolis” alla cronaca politica e coordina il periodico “Charme”. “L’ultimo brigante del Sud” è la sua prima esperienza letteraria.

LORENZO DEL BOCA
Giornalista professionista e saggista piemontese. Dal 2001 al 2010 è stato presidente dell’Ordine Nazionale dei Giornalisti. È un grande esperto del Risorgimento italiano, al quale ha dedicato diversi libri, tutti di successo: “Maledetti Savoia”, “Indietro Savoia! - Storia controcorrente del Risorgimento italiano”, “Grande guerra, piccoli generali - Una cronaca feroce e realistica della prima guerra mondiale”. La sua ultima fatica letteraria è “Polentoni. Come e perché il Nord è stato tradito”.

ALESSANDRO ROMANO
Funzionario dello Stato. Per il suo impegno nell’attività di ricostruzione storica e per la sua partecipazione inmissioni umanitarie nel Meridione d’Italia e all’estero, si è guadagnato il titolo onorifico di Capitano nello spirito dell’Esercito delle Due Sicilie. Il Principe ereditario Ferdinando di Borbone delle Due Sicilia lo ha insignito della Medaglia al Merito e del titolo di Cavaliere del Sovrano Ordine Costantiniano di San Giorgio. Giornalista pubblicista e appassionato ricercatore di storia meridionale, è stato coautore di “Briganti e Partigiani”, “Maledetti Savoia”, “Briganti furono loro”, “La Storia Proibita”, “Neotarantismo”.

GENNARO DE CRESCENZO
Docente di italiano e storia. È giornalista pubblicista, saggista, fondatore e animatore di associazioni culturali neoborboniche e meridionaliste. Specializzato in Archivistica, Paleografia, Diplomatica e in Scienze della comunicazione, ha pubblicato “L’altro 1799: i fatti”, “La difesa del Regno”, “Le industrie del Regno di Napoli”, “Contro Garibaldi”, “Ferdinando II di Borbone”, “Napoli. Storia di una città” e, con altri autori, “Malaunità. 1861-2011 Centocinquant’anni portati male”. Ha inoltre firmato numerosi articoli e saggi sulla storia del Sud dell’Italia e, in particolare, sugli aspettimeno conosciuti del periodo borbonico e risorgimentale


SOMMARIO ANALITICO DEL VOLUME
introduzione
Prefazione
Prologo
Nel covo del brigante
Lo scalpellino soldato
A Calatafimi
Ritirata
Il Comitato
Soldato di re Francesco
L’invasione di Boscotrecase
La morte di Don Barone
Assalto a Villa Le Ginestre
L’ora di Terzigno
Rappresaglia
Sequestri illustri
La fuga
Dimissioni
Esule a Roma
Patto di camorra
Agguato in via Foria
Epilogo
Postprefazione

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.