LA GUERRA CAFONA - Salvatore Scarpino

La_Guerra_Cafona_pAutore: Salvatore Scarpino
Titolo: La Guerra Cafona.
Sottotitolo: Il brigantaggio meridionale nella Stato d'Italia
Descrizione: Volume in 8° (cm 12,5 x 19); pp. 176.
Luogo, Editore, data: Boroli Editore
Prezzo: Euro 9,50
ISBN: 88-7493-059-3
Disponibilita': In commercio

 

La proclamazione del Regno d'Italia, il 17 marzo 1861, segnò formalmente l'unita' del Paese, anche se ancora mancavano Roma e le Venezie.

La nascita del Regno non significò, però, il ritorno della pace. In quello stesso periodo, infatti, s'inaspriva nel Mezzogiorno la "sciagurata e ingloriosa guerra" (la definizione è di Aurelio Saffi) che contrapponeva le truppe del nuovo Stato ai ribelli meridionali.
Nell'armata cafona c'erano nostalgici dei Borbone, cittadini feriti dai soprusi del nuovo potere, pastori e braccianti senza terra che si ribellavano ai nuovi assetti proprietari, criminali comuni. La guerriglia impegnò nel Sud oltre centomila soldati del Regio esercito.

Questo libro, basato su una rigorosa ricerca, ripropone le vicende e le motivazioni dei vinti e dei loro condottieri, da Crocco e Chiavone al generale José Borges, ai calabresi Palma e Monaco, con la brigantessa Ciccilla. La repressione fue una tragedia sociale e politica, una stagione i veleni, della quale Nord e Sud forse ancora risentono.

Salvatore Scarpino, giornalista e saggista, è editorialista de "Il Giornale". Fra i suoi scritti "Tutti a casa, terroni", pamphlet sul disegno secessionista della Lega Nord e "Seppellite Mussolini", pubblicato dalla Boroli editore.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.