L'ARALDICA NEL "FONDO MANSI" - Angelandrea Casale, Felice Marciano, Vincenzo Amorosi

 Titolo: L'ARALDICA NEL "FONDO MANSI" - Angelandrea Casale, Felice Marciano, Vincenzo AmorosiAutori: Angelandrea Casale, Felice Marciano, Vincenzo Amorosi
Titolo: L'araldica nel "Fondo Mansi"
Sottotitolo:
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 64 pagine; 58 illustrazioni a colori
Luogo, Editore, data: S.l., Youcanprint self publishing, 2018
Collana: 
ISBN: 9788827843604
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni



Il saggio di Casale, Marciano e Amorosi, noti cultori di studi storici e di araldica, illustra un fondo archivistico poco noto, conservato presso la biblioteca e archivio dell'abazia della Ss. Trinità di Cava de' Tirreni. Tale complesso documentario, composto da 40 faldoni, prende il nome di "Fondo Mansi",

dall'erudito Gaetano Mansi (1744-1817), nativo di Scala, antica e nobile città del Ducato di Amalfi, il quale raccolse nel corso della sua vita documenti, manoscritti, pergamene, volumi, notizie storiche inerenti chiese, monasteri, famiglie nobili della costiera amalfitana, nonché stemmi, lapidi ed epigrafi. Il fondo, dopo molte traversie, fu donato dagli eredi del Mansi all'abazia cavense nel 1970. Gli autori si soffermano in modo particolare sul fascio 32 di tale fondo, ricco di notizie araldico-genealogiche, riportandone i disegni degli emblemi araldici del f.lo 15 "Familiarum nobilium ducatus Amalphitani stemmata", riguardanti molte stirpi comitali o della nuova aristocrazia dei paesi della costiera amalfitana. Un apparato iconografico di 58 immagini arricchisce il testo, corredato da numerose note bibliografiche.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.