LA STIRPE LONGOBARDA DEI CAPUANO - Marco Crisconio

La_Stirpe_Longobarda_dei_Capuano_pAutore: Marco Crisconio
Titolo: La stirpe longobarda dei Capuano.
Sottotitolo: Patrizi napolitani del Sedile di Portanova
Descrizione: Edizione in formato 8° (cm 24 x 17); 557 pagine; illustrazioni in b/n.
Luogo, Editore, data: Napoli, Arte Tipografica Editrice, 2008
Disponibilita': No

Il volume raccoglie la storia, lungo l'arco di ben dodici secoli, della famiglia Capuano, una delle piu' antiche dei Patriziato della Citta' di Napoli, ricostruendone genealogia e vicende attraverso un corredo di fonti documentali e storiografiche particolarmente ricco ed autorevole.


I Capuano furono ascritti al Sedile di Portanova nell'anno 1343 e vi rimasero ininterrottamente fino all'abolizione dei Sedili stessi. Successivamente, i suoi componenti allistati nel cosiddetto 'Libro d'Oro' continuarono a godere la loro nobilta' nell'unica Deputazione superstite dall'ancienne regime, quella della Cappella del Tesoro di San Gennaro.



La famiglia, di remota stirpe longobarda, vanta tra i propri membri personaggi di notevole spessore, come, all'inizio del IX secolo, Atenulfo I (morto il 14 aprile 912), primo Principe di Capua, coronato dall'Imperatore di Bisanzio Leone; Pandolfo I, soprannominato Capodiferro (morto il 12 maggio 93I), che ebbe in possesso Capua, Benevento, Salerno, il ducato di Spoleto ed il marchesato di Camerino e che diede rifugio, nel 966, a Papa Giovanni XIII, esiliato da Roma.

Sin da allora, le vicende della famiglia Capuano si intrecciano strettamente sia con la storia dei territori sotto il loro dominio che con la storia 'maggiore' d'Europa.

Cosi' fu, ad esempio, per il Cardinale Pietro il vecchio, Legato del Papa durante la quarta Crociata e benefattore di Amalfi, sua patria, alla quale donò la reliquia del corpo di S. Andrea, primo apostolo e patrono della citta'.

La galleria della famiglia Capuano attraversa i secoli e si è andata arricchendo di personaggi particolari, come Matteo (165I-1706), che nel 1702 fu prescelto per dare il benvenuto in Cattedrale a Re Filippo V, padre del futuro Re Carlo, in visita a Napoli, e che fu poi nominato Consigliere di Spada e Cappa del Regio Collaterale Consiglio; o come suo cugino Carlo (1669 -1747) Marchese di Petina nel Molise, fu benefattore munifico del Pio Monte della Misericordia; oppure, come Vincenzo (1635-1713) che sposò la Baronessa della Sala, Francesca del Giorno, erede dell'antico palazzo baronale di Portici conosciuto come 'palazzo Capuano', luogo di notevole rilevanza storica, purtroppo in buona parte abbattuto alla fine degli anni '50 del secolo scorso per l'apertura di via Liberta', distruggendo incredibilmente i dipinti di Belisario Corenzio presenti in uno dei saloni.

In tempi piu' vicini ai nostri, si ricorda Gabriele (1831-­1886), Soprintendente del Pio Monte dalla Misericordia, Soprintendente della Real Casa Santa dell'Annunziata, e Vice Su­periore della Deputazione della Cappella del Tesoro di San Gennaro, che con un lungo e ben argomentato intervento indirizzato al Governo dell'epoca, riusci' a salvare la Deputazione dalla chiusura prevista dalla legge del 13 dicembre 1865 sulla soppressione delle corporazioni e degli enti religiosi. Infine, Maurizio (1865-I925), che fondò la Societa' Meridionale Elettricita' (SME).

Con perfetto e attento spirito di ricerca, nella seconda parte dell'opera vengono presentati i sunti, le trascrizioni e le immagini dei tanti documenti che ricostruiscono intriganti e spesso gustosi spaccati d'epoca, soprattutto per quanto riguarda i secoli XVI, XVII e XVIII.

Autore dell'opera è Marco Crisconio, napoletano, funzionario di banca a riposo, Cavaliere di Malta e Consultore Araldico dell'Ordine. Da lungo tempo è membro del Collegio Araldico Romano ed è autore di numerosi saggi pubblicati sulla Rivista Araldica. In veste di esperto ha preso parte a conferenze e convegni.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.