CASALUCE - Tommaso Strinati

Autore: Tommaso Strinati
Titolo: Casaluce.
Sottotitolo: Un ciclo trecentesco in terra angioina.
(con abstract in francese).
Con contributi di Francesca Larcinese, Adele Leccia, Riccardo Principe, Maria Tamajo Contarini
Descrizione: Edizione rilegata, in formato 8° (cm 28 ' 24); 176 pagine; 125 illustrazioni a colori e 15 in b/n
Luogo, Editore, data: Milano, Skira, 2008
Collana: Grandi libri
ISBN13: 9788861303911
Disponibilita': No

 

Alla fine degli anni sessanta, nella chiesa di Santa Maria ad Nives presso il castello del Balzo a Casaluce – piccolo centro in provincia di Caserta – viene distaccato dalle pareti di una cappella un ciclo affrescato raro e singolare; le scene narrano le vicende di Guglielmo di Gellone, un nobile guerriero francese divenuto poi santo, e furono dipinte da Niccolò di Tommaso, un maestro fiorentino giottesco che lavorò a Napoli e in Campania nella seconda meta' del Trecento su committenza diretta della regina Giovanna d'Angiò.

I committenti, Raimondo del Balzo e Isabella d'Eppe, erano legati ai sovrani angioini e loro stessi d'origine francese.



I dipinti staccati prendono negli anni strade diverse, senza trovare una sede espositiva unitaria. Le storie di Guglielmo di Gellone sono sistemate sulle pareti della Cappella Major del Castel Nuovo a Napoli, altri brani con storie della vita di Cristo e di sant'Antonio abate, opera di un anonimo maestro giottesco, vengono ospitate nei depositi del Museo della Certosa di San Martino. Parte del ciclo è ancora conservato in situ, seppure in pessimo stato di conservazione, nella chiesa di Santa Maria ad Nives.

Questo libro intende porre nuovamente all'attenzione degli studiosi un ciclo che merita un posto di rilievo nella storia dell'arte medioevale italiana, riunendo tutti i nuclei oggi conservati presso diverse sedi museali in una sorta di mostra virtuale, che consenta di averne una visione completa e agevole.

 

Tommaso Strinati, laureato in Lettere e Filosofia all'Universita' La Sapienza di Roma, dottore di ricerca in Storia dell'arte medievale presso l'Universita' degli Studi della Tuscia di Viterbo, è specialista della pittura romana del XIII e XIV secolo. Ha curato, nella primavera del 2004, una mostra ai Musei Capitolini dedicata alla pittura a Roma nell'epoca di Giotto e Cavallini. Nel dicembre dello stesso anno ha pubblicato un volume sulla scoperta degli affreschi cavalliniani nella cappella di San Pasquale Baylon presso la chiesa di Santa Maria in Arac'li al Campidoglio a Roma. È docente incaricato di Storia dell'Architettura presso la Prima Facolta' di Architettura Ludovico Quaroni di Roma e presso il Centro Sperimentale di Cinematografia di Milano.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.