ARTE DI CORTE NELLA NAPOLI ANGIOINA DA CARLO I A ROBERTO D'ANGIO' - Pierluigi Leone De Castris

Arte_di_Corte_nella_Napoli_Angioina_pAutore: Pierluigi Leone De Castris
Titolo: Arte di Corte nella Napoli Angioina da Carlo I a Roberto il Saggio (1266-1543).
Presentazione di Ferdinando Bologna.
Descrizione: Pregiata edizione rilegata in tela, con sovraccoperta illustrata, di grande formato (cm 33 x 25); 79 tavole a colori, di cui molte a tutta pagina; 403 tavole in b/n; pp. 476.
Luogo, Editore, data: Firenze, Cantini, 1986
Prezzo: Euro 130,00
Disponibilita': Pochi esemplari disponibili

 

Indice del volume:
Premessa    
Presentazione.
Elenco delle illustrazioni    
Referenze fotograflche    
Tavole a colori:
1. La citta' e la corte
2. Artisti e re
3. Il modello cavalleresco e cortese
4. Il modello devozionale
5. Il modello "umanistico"
Parte II. Svevi e angioini    
1. Continuita' o frattura? Miniatura e pittura nel regno meridionale
2. Radici della plastica sveva e sua continuita' nella Campania proto-angioina
3. Manufatti svevi in fabbriche angioine: dal riutilizzo materiale alla contestualizzazione critica
Parte III. A cavallo fra i due secoli    
1. Le componenti transalpine
2. L'apertura alla grande arte dell'Italia centrale
Parte IV. Il capitolo cavalliniano    
1. Gli affreschi Tocco e lo sviluppo tardo di Pietro Cavallini
2. Leilo da Orvieto fra Napoli e Roma
3. Il cavallinismo di Donnaregina
Parte V. Giotto e i giotteschi    
1. Registro dei tempi. I luoghi e il contesto dell'attivita' di Ciotto a Napoli
2. Giotto a S. Chiara e una Crocifissione a fresco del 'Maestro delle Vele e dell'Infanzia di Cristo'
3. La Cappella Palatina in Casteinuovo
4. Roberto d'Oderisio
5. Napoli e Avignone: un nesso mediterraneo
Appendice    
Bibliografia dei titoli citati

 

Pierluigi Leone de Castris
Nato a Bari il 26-1-1955, studia storia dell'arte a Napoli con Ferdinando Bologna, laureandosi nel 1977 con una tesi sull'oreficeria e lo smalto senesi del '300. Su questo tema lavora in seguito a lungo, pubblicando numerosi articoli su riviste quali "Prospettiva", "Révue du Louvre", "Antichita' viva", "Annali della Scuola Normale Superiore di Pisa", e partecipando come relatore a convegni specialistici (Londra, Pisa) e a corsi di perfezionamento (Padova). Nel 1981 pubblica con Paola Giusti il catalogo della mostra "Smalti di Limoges e avori gotici nelle pubbliche collezioni napoletane" (Firenze, 1981).
Da alcuni anni lavora piu' estesamente su problemi di arte due-trecentesca a Napoli e in Italia. Relatore ai convegni di Avignone, Siena, Napoli e Bologna, pubblica su questo argomento contributi in "Napoli e la Campania" (Roma, 1980), "La pittura in Italia.Le origini" (Milano, 1985), "La cultura Angioina" (Milano, 1985).
Sulla pittura del '500 meridionale è poi intervenuto in piu' occasioni, ai convegni di Arezzo e Roma (Accademia dei Lincei), con articoli su "Bollettino d'Arte", "Prospettiva" e "Ricerche di storia dell'arte" e con lavori come "Forastieri e regnicoli: la pittura moderna del primo '500 a Napoli" (Napoli, 1985) e i dipinti di Polidoro da Caravaggio per la Chiesa della Pescheria a Napoli" (Napoli, 1985).
Nel 1978 è ispettore presso la Soprintendenza ai Beni Artistici e Storici di Napoli e dal 1980 curatore della Pinacoteca di Capodimonte. In questa sua veste ha partecipato con saggi introduttivi e schede a numerosi cataloghi di mostre, quali "Civilta' del '600 a Napoli" (Napoli-Milano 1983) e "Il Secolo d'oro della pittura napoletana" (Napoli1984).

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.