PALAZZO SALERNO. Dai complessi religiosi ai comandi militari - Leonardo Di Mauro, Alba Irollo

PALAZZO SALERNO. Dai complessi religiosi ai comandi militari - Leonardo Di Mauro, Alba IrolloCuratori: Leonardo Di Mauro, Alba Irollo
Titolo: Palazzo Salerno
Sottotitolo: Dai complessi religiosi ai comandi militari
Contributi di Francesco Aceto, Carmela Capaldi, Enrico Colle, Flavia Coraggio, Vincenzo Cuomo, Leonardo Di Mauro, Salvatore Fellino, Sabrina Iorio, Alba Irollo, Riccardo Naldi, Sergio Villari, Massimo Visone, Andrea Zezza
Descrizione: Volume rilegato in cartonato con sovraccoperta, in formato 4° (cm 28 x 26); 176 pagine; 126 foto
Luogo, Editore, data: Sassari, Carlo Delfino, 2018
Collana: 
ISBN: 9788893610889
Prezzo: Euro 38,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni

Situato su Piazza del Plebiscito, eppure assai poco noto al di là del suo prospetto monumentale, Palazzo Salerno serba una storia emblematica delle complesse stratificazioni che danno volto e identità alla Napoli moderna.
È una storia che travalica il suo perimetro per estendersi agli edifici contigui, e trova le tracce più antiche nella chiesa di Santa Croce, di fianco al palazzo, e nel giardino nascosto alle sue spalle.
Costruito alla fine del Settecento come edificio di pertinenza del sovrano, Palazzo Salerno fu l’ultimo tassello di un insieme di costruzioni che in pochi anni sorsero sul suolo occupato, per ben quattro secoli, dai complessi religiosi di Santa Croce e della SS. Trinità, istituiti, rispettivamente come monastero e come convento, per volontà della regina Sancia di Maiorca.

Questo libro riallaccia i fili della vita più remota e più recente dell’area alle pendici della collina di Pizzofalcone, che, sviluppatasi per largo tratto come area extra-urbana, è divenuta in seguito alla costruzione del Palazzo Reale di Napoli, e ancor più in seguito alla
realizzazione di una vera e propria piazza di fronte a esso, il vero centro politico della città.
Rende conto, dunque, della lunga presenza dei religiosi, delle commissioni artistiche per i loro prestigiosi edifici di culto, dei progetti di sistemazione urbanistica, di quelli architettonici, del transito di ministri, principi e militari negli edifici da ultimo costruiti, e infine degli arredi e delle collezioni in essi attualmente custoditi.



SOMMARIO

Il monastero di Santa Croce e il convento della SS. Trinità dalla fondazione al loro riuso nel XVIII secolo, di Leonardo Di Mauro / Documenti, a cura di Salvatore Fellino / Il Palazzo del Principe di Salerno. Architettura, toponomastica, potere e gusto prima dell’Unità d’Italia, di Alba Irollo / Documenti, a cura di Alba Irollo
Piante dell’Istituto Storico e di Cultura dell’Arma del Genio (ISCAG)

PRIMA DELL’EDIFICIO. ARTISTI E COMMISSIONI PER LE CHIESE DI SANTA CROCE E DELLA SS. TRINITÀ
Il sepolcro della regina Sancia di Maiorca, di Francesco Aceto / La Cappella Longo, di Sabrina Iorio / L’altare ligneo di fra Giuseppe da Soleto, di Sabrina Iorio / Le opere di Marco Pino da Siena nella SS. Trinità, di Andrea Zezza

L’EDIFICIO NEL CONTESTO URBANO. FRA LA PIAZZA E LA STRADA DEL GIGANTE
Il Largo di Palazzo e la sua trasformazione in piazza, di Sergio Villari / Il Gigante di Palazzo, di Carmela Capaldi / La Fontana del Gigante e le «picciole fontanine» tra il Largo di Palazzo e l’Arsenale, di Riccardo Naldi / Il giardino di Palazzo Salerno, di Massimo
Visone

L’EDIFICIO OGGI. ARREDI, ANTICHITÀ, DIPINTI
Gli arredi borbonici, di Enrico Colle / I dipinti, di Alba Irollo / Le antichità del giardino, di Flavia Coraggio I Comandi militari a Palazzo Salerno. Dall’Unità d’Italia a oggi, di Vincenzo Cuomo
Planimetrie attuali di Palazzo Salerno, Palazzo Croce e Palazzo Ascoli

Bibliografia / Indice dei nomi

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.