LA TOPOGRAFIA ARTISTICA DEL DUOMO DI NAPOLI. Dalla fondazione angioina alla "riforma" Settecentesca del cardinale Giuseppe Spinelli - Maria Alasia Lombardo di Cumìa

la_topografia_artistica_del_duomo_di_napoliAutore: Maria Alasia Lombardo di Cumìa
Titolo: La topografia artistica del duomo di Napoli
Sottotitolo: Dalla fondazione angioina alla "riforma" Settecentesca del cardinale Giuseppe Spinelli
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 408 pagine;  illustrazioni a colori ed in b/n
Luogo, Editore, data: Napoli, Paparo, 2011
ISBN: 978-88-97083-31-3
Disponibilità: Noloadposition Ricordi}


Il duomo di Napoli si presenta oggi con un aspetto del tutto differente da quello originario, conseguenza dei molteplici restauri che hanno alterato la sua facies esterna e il suo assetto interno. Il testo approfondisce l'evoluzione dell'allestimento architettonico e micro-architettonico della Cattedrale, dalla fondazione tardoduecentesca fino all'ultimo massiccio risanamento, intrapreso dal cardinale Giuseppe Spinelli alla metà circa del Settecento. La topografia artistica della chiesa dell' Assunta è indagata secondo un duplice punto di vista: da un lato l'uso collettivo dell'edificio - incentrato nella celebrazione del rito eucaristico -, che ha costituito insieme causa ed effetto della messa in opera dei suoi principali arredi (fra i quali il coro, il trono, il pulpito, l'altare maggiore), dall'altro l'utilizzazione privata dell' ecclesia, che ha determinato la proliferazione di micro-ambienti - cappelle e altari - a destinazione gentilizia e sepolcrale, in gran parte rimossi in occasione dell' intervento del cardinale Spinelli.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn