LA CONSERVAZIONE DEI PONTI STORICI IN CAMPANIA - Aldo Aveta, Claudio Aveta, Luciano Maria Monaco

la_conservazione_dei_ponti_storiciCuratori: Aldo Aveta, Claudio Aveta, Luciano Maria Monaco
Titolo: La conservazione dei ponti storici in Campania
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); 248 pagine
Luogo, Editore, data: Napoli, ESI, marzo 2012
Collana: RestauroConsolidamento
ISBN: 9788849523010
Prezzo: Euro 28,00
Disponibilità: In commercio

Il saggio affronta il tema della conservazione dei ponti storici della Campania, da considerare risorse culturali del territorio, elementi che hanno determinato lo sviluppo e le vicissitudini delle varie civiltà che si sono susseguite nel corso dei secoli. I ponti in muratura costituiscono una particolare tipologia di documento storico e sono parte integrante della storia del territorio su cui insistono, in uno con il patrimonio paesaggistico e quello architettonico delle città. Sono analizzati per primi i manufatti risalenti all’epoca romana, per giungere via via alle evoluzioni che si sono verificate nei secoli successivi , dal Medioevo al XIX secolo, correlandone costruzione e restauri agli sviluppi tecnico_scientifici ed alla creazione e trasformazione delle infrastrutture viarie. Altro aspetto indagato è quello del restauro strutturale dei manufatti legato, da un lato, al loro stato di conservazione, dall’altro alle possibilità di rinnovata fruizione, affrontando le problematiche tipiche della conservazione e del restauro. Sono illustrate, infine, le risultanze di un primo inventario di simili manufatti presenti sul territorio campano, allo stato di rudere, modificati o, in alcuni casi, trasformati o sostituiti: sono beni culturali minacciati dal degrado, dall’incuria e dalla distruzione per un irresponsabile uso del territorio. La loro conoscenza può finalmente stimolare un’azione di conservazione attiva e responsabile.

I curatori
Aldo Aveta, è professore ordinario di Restauro architettonico dell’Università di Napoli «Federico II», disciplina che insegna nelle Facoltà di Architettura e di Ingegneria. È Direttore della Scuola di Specializzazione in Beni architettonici e del Paesaggio e Coordinatore dell’Indirizzo in Conservazione dei Beni architettonici e del Paesaggio del Dottorato di ricerca. Impegnato nel coordinamento di ricerche e responsabile scientifico in ricerche applicate, ha insegnato in Master internazionali. È autore di molteplici volumi e saggi specialistici, quali: Consolidamento delle strutture lignee: diagnostica e interventi conservativi, 2007; Diagnostica e conservazione: l’insula 14 del Rione Terra, 2008; Restauro e rinnovamento del centro storico di Napoli, 2009; Roberto Pane e l’urbanistica dei centri antichi, 2010; La conservazione della venustas delle città storiche, 2011.
Luciano Maria Monaco, architetto, è specializzato in Restauro dei monumenti e dottore di ricerca in Conservazione dei Beni architettonici presso l’Università di Napoli «Federico II». È autore di una serie di pubblicazioni tra le quali si segnalano: Analisi del comportamento strutturale e diagnostica, 2007; Dissesti e vulnerabilità statica, 2008.
Claudia Aveta, architetto, è dottore di ricerca in Conservazione dei Beni architettonici presso l’Università di Napoli «Federico II». È autrice di saggi e articoli, tra cui si citano: Piero Gazzola. Restauro dei monumenti e tutela ambientale, 2007; Napoli e il paesaggio campano nelle riflessioni di Brandi, 2008; Riflessioni sui valori ambientali del paesaggio campano, 2009; La tutela dell’ambiente: la riflessione di Roberto Pane e gli attuali orientamenti legislativi, 2010.


Indice del volume:

Prefazione

CAPITOLO PRlMO
Ponti storici: risorse culturali del territorio campano (A. Aveta)
1. Manufatti di epoca romana
2. Trasformazioni nel periodo medioevale
3. Sviluppi dal XVI al XVIII secolo.
  Le conoscenze scientifiche
  La rete stradale
  I ponti
4. Scienza e tecnica nel XIX secolo
- Riforme ed evoluzione tecnico-scientifica
- Restauri e nuove realizzazioni: progetti e soluzioni costruttive

CAPITOLO SECONDO
Il restauro strutturale dei ponti (L.M. Monaco)
1. Tecniche costruttive
2. Stato conservativo e fruizione
3. Approccio strutturale: il calcolo elastico e il calcolo a rottura
4. Conservazione e restauro

CAPITOLO TERZO
Un primo inventario dei ponti in Campania (C. Aveta)
1. Questioni di metodo
2. Schede descrittive

Indice dei nomi

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.