POSILLIPO FUORIGROTTA E BAGNOLI 1860 - 1935. Progetti urbanistici per la Napoli del mito - Fabio Mangone, Gemma Belli

posillipo_fuorigrotta_bagnoliAutori: Fabio Mangone, Gemma Belli
Titolo: Posillipo Fuorigrotta e Bagnoli 1860-1935
Sottotitolo: Progetti urbanistici per la Napoli del mito
Descrizione: Volume oblungo (cm. 22,5 x 23,5) su carta patinata di circa 140 pagine con 74 rare illustrazioni e tavole, per lo più a colori, di progetti, planimetrie, vedute prospettiche ecc.
Luogo, Editore, data: Napoli, Grimaldi & C., novembre 2011
ISBN: 9788889879740  
Prezzo: Euro 30,00
Disponibilita': In commercio

Territori segnati dalla natura e dal mito, prima ancora che aree privilegiate per lo sviluppo di Napoli, Posillipo, Fuorigrotta e Bagnoli risultano interessate dopo l'Unità d'Italia a una serie di importanti e poco conosciuti progetti urbanistici, presentati all'epoca in opuscoli a stampa. Dopo aver rintracciato questi libretti ormai rarissimi e dispersi in tutta Italia in collezioni pubbliche e private, a valle di un'analisi critica è possibile ricostruire la suggestiva successione di idee, di progetti, di utopie elaborate da ingegneri e architetti di cultura europea per questi territori, disgiuntamente o congiuntamente. Tra utopie di largo respiro e proposte di mera speculazione, si afferma la possibilità di realizzare in questi luoghi paesisticamente celebrati una Napoli altra rispetto a quella congestionata dei vicoli, a quella problematica da "risanare" Studiando opportuni collegamenti "moderni' si afferma l'idea che lo sviluppo della città borghese e aristocratica a occidente possa giungere oltre Chiaia, per raggiungere i territori amati dai romani e celebrati dal grand tour; a seconda dei progetti e delle ipotesi si prevede che qui possano sorgere privilegiati quartieri borghesi, oppure settori specificamente dedicati alle élites straniere, o addirittura moderne strutture turistiche ed espositive aggiornate sui dettami del loisir belle époque. Tra il periodo postunitario e il ventennio fascista, nel succedersi di ipotesi si affermano anche modelli urbanistici di grande interesse, incentrati ora su schemi a sviluppo lineare, ora su disegni pittoreschi, ora sulla perfezione geometrica delle città di fondazione, sempre nell'intento di valorizzare le memorie archeologiche e letterarie, il mare, il verde. Attraverso un'ampia disamina critica delle idee e delle proposte che si succedono, questo volume prosegue la serie dedicata alla "Napoli mancata", inaugurata con il volume del 2009 su "Chiaja, Monte Echia e Santa Lucia” e continuata con quello del 2010 su 'Centro storico, Marina e Quartieri spagnoli".

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.