NAPOLI ANTICA . Raffaele D'Ambra

NapoliAnticaDAmbraDeMauropAutore: Raffaele D'Ambra.
Titolo: Napoli Antica.
Ristampa fedelissima dell'edizione del 1889.
Descrizione: Pregiata edizione in formato folio* (cm 44 x 33) stampata su carta Bodonia appositamente fabbricata dalle Cartiere Fedrigoni di Verona, legatura artigianale in tela con dorso in pelle fregiato d'oro; edizione racchiusa in elegante cofanetto rigido illustrato. Pagine 600; 118 cromolitografìe a tutta pagina. Tiratura limitata di 1600 esemplari numerati a mano e XI dedicati ad personam.
Luogo, Editore, data: Sorrento (NA), Franco Di Mauro, 1993
Prezzo: Euro 1.450,00
ISBN: 88-85263-50-X
Disponibilità: 1 esemplare disponibile

Nel 1989 la stampa ha ignorato il centenario di Napoli antica. Nessun dietrologo si è ricordato di questa notevole opera editoriale che si ricollega al risanamento di Napoli. Tutti presi, giornalisti, politici ed urbanisti, a discutere sul futuro di Napoli.

Non si tratta della "riscoperta" o di un "rilancio" di Napoli antica ma di una ristampa in memoria di Raffaele d'Ambra nel centenario della sua morte. Un libro capace di suscitare nei napoletani tante evocazioni mano a mano che, sfogliandone le pagine, l'occhio si posa su monumenti, ambienti e itinerari perduti.


Dalla introduzione di Atanasio Mozzillo:
..."Ed ora in alto il piccone! Abbattete! Cadano sotto le ruine i germi malefìci delle infermità e le nuove correnti d'aria e di luce che si agiteranno su di esse, siano apportatrici di prosperità e di salute". Così, alla presenza dei sovrani, il 15 giugno del 1889, Nicola Amore dà inizio ai lavori del risanamento; o meglio "sventramento", come auspicato da Agostino Depretis nei giorni del colera.
Ma c'è qualcuno che i colpi di piccone li sta a contare sgomento, qualcuno che in quei vicoli tanto deprecati dai "risanatori" si aggira incredulo per la rovina che se ne sta facendo e per i progetti che la vogliono ancora più estesa, fino a cancellare la memoria stessa di una città sigillata nella sua miseria, ma anche nel suo passato. Ed è, inutile dirlo, il nostro Raffaele d'Ambra, che con le sue dispense e le sue tavole, tenta il solo recupero ormai possibile di una Napoli che sta per scomparire insieme al secolo.
Anche lui è là, in quel giorno di festa, confuso tra la folla ad ascoltare il discorso di Nicola Amore; ma l'enfasi dello sventratore, la gonfia retorica dei giornalisti che esaltano l'avvenimento, lo muovono prima a fastidio, poi a rabbia. E a un cronista de "II Roma" che dà per scontato, in seguito alle iniziate demolizioni, l'avvento di un'era in cui "progresso materiale e progresso morale andranno di conserva", a questo gazzettiere e a quanti continuano a esaltare il "piccone demolitore del vecchio e la cazzuola costruttrice del nuovo", il "professore" obietta con amarezza che "forse il nuovo non sarà bello come il vecchio che si demolisce".

* La stampa dei volumi in-folio, ricavati da una sola piegatura del foglio, lasciandolo intonso, è tipica delle edizioni del tardo Seicento e Settecento. Questo sistema permette di ottenere fascicoli più consistenti e di evitare l'avvicendamento di troppe cuciture sul dorso del libro all'atto della legatura. L'impasto pregiato per le carte usate, conferiscono un aspetto estremamente elegante e un tatto piacevole, una buona stabilità in fase di stampa rendendo i colori vivaci e brillanti.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.