NAPOLI DENTRO E FUORI LE MURA - Massimo Rosi

NapoliEntroEFuoriMurapAutore: Massimo Rosi
Titolo: Napoli dentro e fuori le mura.
Descrizione: Volume in 8° (cm 22,5 x 15); pp. 255; illustrazioni in b/n.
Luogo, Editore, data: Roma, Newton & Compton, 2003
Prezzo: Euro 8,90
Disponibilita': In commercio

La citta' si presenta dalle origini chiusa nella cinta muraria che assume grande importanza per la formazione della civitas fino alla fine del sessantennio aragonese, le vicende sono viste secondo la logica della citta' murata.
Con la fine della dinastia aragonese, a cui subentrò l'impero spagnolo, Napoli vedra' crescere il numero degli abitanti, il formarsi di quella numerosissima plebe, magma sempre temuto per le vulcaniche, improvvise esplosioni di collera incontrollabile, e il consolidarsi del potere feudale, causa di arretratezza.
La grande metropoli meridionale abbandona dal XVI secolo il carattere della citta' rinascimentale, per assumere sempre piu' quello di grande centro di consumo.
Acquista una popolazione sempre crescente, proveniente dalle campagne, attratta dai privilegi e diventa la seconda citta' d'Europa dopo Parigi, sempre però chiusa all'interno delle mura.
Con il regno di Carlo di Borbone, che sottrae Napoli agli Austriaci nel 1734, la citta' ridiventa capitale, terza citta' d'Europa dopo Parigi e Londra, e si arricchisce di grandiose opere e di vivaci espressioni culturali; ma sempre una numerosissima plebe vive in simbiosi parassitaria con l'aristocrazia.
La grande vicenda è affrontata con una visione generale, nella quale il riscontro delle imposizioni fiscali rende comprensibile il disastro economico del meridione vicereale, e lo sviluppo urbanistico determina un modo di vedere "abusivo" che si mantiene costante nel tempo.
Il libro narra le trasformazioni urbane in eta' moderna e contemporanea, fino al dopoterremoto e oltre, offrendo piu' di un motivo di riflessione per le scelte urbanistiche di oggi.

Massimo Rosi, architetto, professore alla facolta' di architettura dell'universita' di Napoli Federico II, ha svolto studi sull'architettura meridionale del '400 e le influenze del Levante spagnolo, con il CNR e l'Instituto cultural espanol de Santiago.
Insignito dal Governo spagnolo dell'onorificenza Official de la Orden del Mèrito Civil, vincitore del premio Roehrsen per l'Urbanistica della Fondazione della Rocca 1992. È presidente dell' Osservatorio internazionale delle Coste del Mediterraneo.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.