NAPOLI. ATLANTE DELLA CITTA' STORICA. PIZZOFALCONE E "LE MORTELLE". Volume 7 - Italo Ferraro

atlante_mortelle_ferraro_7Autore: Italo Ferraro
Titolo: Napoli. Atlante della Citta' Storica.
Sottotitolo: Volume 7. Pizzofalcone e "Le Mortelle"
Introduzione di Italo Ferraro
Descrizione: Volume rilegato, con sovraccoperta, in formato 4° (cm 30 x 24).
Luogo, Editore, data: Napoli, Oikos, novembre 2010
Prezzo: Euro 190,00
Prezzo in offerta fino al 31 marzo 2018: Euro 171,00 (sconto 10%)
Disponibilita': In commercio

Pizzofalcone e “Le Mortelle”, settimo volume dell’opera di Italo Ferraro, Napoli. Atlante della città storica, è il primo dei due volumi dedicato ai borghi, ovvero le aree esterne, occidentali; il secondo avrà per oggetto “Chiaia” e concluderà la serie di otto volumi dedicata alle parti urbane.
Dopo questo primo importante approdo si concluderà un ciclo, e l’opera riprenderà il suo cammino con i volumi riguardanti “La struttura della città”, i quali si occuperanno dei monumenti, i luoghi e le vie che, non appartenendo alle singole parti urbane, costituiscono la forma della città intera; il programma prevede anche la pubblicazione del rilievo in fogli dell’intera città storica.


Si tratta dell’opera più completa mai pubblicata sulla storia, la forma urbana e le architetture di una singola città; e non poteva essere che Napoli, la più estesa e conservata città storica del mondo che, ancora oggi, conserva tutti i tempi e le forme della sua millenaria costruzione. A capo di una “ricerca “paziente”, l’Atlante riapre il dibattito culturale sugli studi urbani e sul futuro urbanistico della città.

In diciotto capitoli PIZZOFALCONE E “LE MORTELLE” descrive in modo ordinato e sistematico, minuziosamente e senza pregiudizi, la formazione della città, dalle origini fino alle trasformazioni dell’800 e del ‘900, avvenute specialmente lungo la costa; nonostante le molte ipotesi sul passato di Pizzofalcone, quasi inesistenti sono i resti materiali e pertanto l’area verrà trattata, come sempre nei precedenti volumi dell’Atlante, seguendo le tracce fisiche, sperimentabili, del suo passato edilizio ed urbanistico.
Tanto per cultura, tanto per localizzazione e forma geografica, tanto anche per occasionale apporto documentario, le parti di un sistema assai complesso e differenziato, si presentano con spiccate diversità; il pianoro di Pizzofalcone, originaria proprietà del monastero di Monteoliveto, documentatissimo in tutti i passaggi della formazione dei suoi edifici, palazzi e monasteri: l’Egiziaca, la Nunziatella, S. Maria degli Angeli, il Presidio, ed i numerosissimi palazzi tra i quali l’opera sanfeliciana per Serra di Cassano e l’antichissimo palazzo Carafa; il lungomare, con la completa trasformazione del volto della città, dalla Vittoria a S. Lucia ed al porto militare, tra ‘800 e ‘900; la direttrice di via Chiaia fino al mare, l’antichissima Cappella Vecchia, piazza dei Martiri ed il collegamento ottocentesco di via Morelli con il Chiatamone; la densità residenziale dei Gradoni di Chiaia, i palazzi di via Nicotera a ridosso del palazzo Cellamare, la storia intrecciata del monastero di S. Carlo alle Mortelle e dello scomparso palazzo D’Andrea, poi Brancaccio; infine il corso Vittorio Emanuele con i monasteri di S. Maria Apparente e S. Nicola da Tolentino ed il vico Vasto con il monastero di Betlemme e la singolare storia moderna del “palazzo dei Veterani”.

Elenco dei titoli della Collana Napoli. Atlante della città Storica

Volume 1. CENTRO ANTICO - Titolo NON disponibile

Volume 2. QUARTIERI BASSI E RISANAMENTO - Titolo NON disponibile

Volume 3. QUARTIERI SPAGNOLI E RIONE CARITA'

Volume 4. DALLO SPIRITO SANTO A MATERDEI

Volume 5. STELLA, VERGINI, SANITA'

Volume 6. SAN CARLO ALL'ARENA E SANT'ANTONIO ABATE

Volume 7. PIZZOFALCONE E "LE MORTELLE"

Volume 8. CHIAIA

Volume 9. VOMERO

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.