COMME SE MAGNA A PPASCA. I menú napoletani delle festività pasquali e tutte le ricette dei piatti di Pasqua - Raffaele Bracale

comme se magna a ppasca raffaele bracaleAutore: Raffaele Bracale
Titolo: Comme se magna a Ppasca
Sottotitolo: I menú napoletani delle festività pasquali e tutte le ricette dei piatti di Pasqua
A cura di Amedeo Colella
Copertina ed illustrazioni interne di Marco Ferrigno
Descrizione: Volume in formato 16° (cm 19 x 11); 240 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, Cultura Nova, gennaio 2'16
ISBN-10: 8894048969
ISBN-13: 978-8894048964 9788894048964
Prezzo: Euro 7,90
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni

In questo libro, lo storico della gastronomia, Raffaele Bracale, ci regala la sua memoria storica sui menu pasquali, quelli di casa Bracale, e ci dona tutte le ricette dei piatti tradizionali. E naturalmente non lesina su divertenti aneddoti sulle tradizioni culinarie pasquali.



Le regole della gastronomia pasquale sono semplici: nel periodo di quaresima si pratica moderazione, morigeratezza gastronomica. Prima e dopo tale periodo c’è invece la vera esplosione dell’arte culinaria napoletana.
Nel periodo di carnevale è tutto un trionfo di lasagne, migliacci, sanguinacci, chiacchiere.
Poi col semplice pasto del mercoledì delle ceneri, in cui tradizionalmente trionfano i ceci, ci si prepara ad un lungo periodo di semplicità gastronomica.
Tutto fino alla domenica di Pasqua quando, per festeggiare la resurrezione, la tavola si riempie di ogni ben di Dio.

A Napoli non è Carnevale senza lasagna e senza chiacchiere. Non è Pasqua senza ‘o piatto beneritto, senza ‘a menesta maritata, senza capretto al forno, senza carciofi in pinzimonio, senza tortano e casatiello. Ma soprattutto, non è Pasqua se la tavolata delle feste non si chiude con la regina dei dolci napoletani: la pastiera.

Perché ‘a fellata si chiama pure ‘o piatto beneditto? Perché la sera del giovedì santo i napoletani mangiano la zuppa di cozze? Che differenza c’è tra curdisco, capretto, agnello e corachiatta? Cosa c’entrano i sacerdoti con gli strangulaprievete? La frittata di maccheroni è la protagonista dei pranzi al sacco del Lunedì in Albis? Il migliaccio è il parente povero della pastiera? Il sanguinaccio si fa davvero col sangue di maiale? Quali sono i menu della quaresima e della Pasqua a Napoli?

Il volume fa parte di una collana a cura di Amedeo Colella – Scrittore di napoletanità.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.