LA PIZZA NAPOLETANA... più di una Notizia scientifica sul processo di lavorazione artigianale - Paolo Masi, Annalisa Romano, Enzo Coccia

libro la pizza napoletana paolo masi annalisa romano enzo cocciaAutori: Paolo Masi, Annalisa Romano, Enzo Coccia
Titolo: La pizza napoletana
Sottotitolo: ... più di una Notizia scientifica sul processo di lavorazione artigianale
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 16,5); 172 pagine; 29 immagini a colori e 16 in b/n; 27 schede illustrate
Luogo, Editore, data: Napoli, DoppiaVoce, maggio 2015
Collana: 
ISBN: 9788889972519 978-88-89972-51-9
Prezzo: Euro 25,00
Disponibilità: In commercio

Lungi dall'essere un mero prodotto, una merce separata dalla dinamica socio-culturale della sua produzione, la pizza è un alimento al centro di un rituale sociale. Di una koinè che ha al suo centro il forno e il banco di lavoro del pizzaiuolo. Che, non a caso, nelle pizzerie napoletane tradizionali, non sono nascosti, ma si trovano al centro del locale, come un antico focolare.


E il maestro non lavora dando le spalle agli avventori, ma sta di fronte a loro e intrattiene con le persone che mangiano un rapporto costante, un ininterrotto feed-back collettivo. Tanto da dar vita a forme tradizionali di credito comunitario. Come la pizza a ogge a otto, acquistata e mangiata subito ma pagata con otto giorni di dilazione.

E come la cosiddetta "pizza sospesa", nata sul modello del caffè sospeso, antica usanza partenopea di consumare un espresso e pagarne due, lasciando il secondo a disposizione di sconosciuti meno fortunati. Questa forma di generosità a favore di ignoti, che si fonda sul presupposto che una pizza non si nega a nessuno, fa del simbolo planetario dello street food un sinonimo di solidarietà.

A riprova del fatto che per far fronte alla crisi c'è bisogno innanzitutto di nuove idee. E curiosamente le idee più innovative si rivelano quelle che nascono dal cuore della tradizione. Dal welfare popolare, quello senza burocrazia e senza costi aggiunti. Tipico di chi all'emergenza dà del tu da sempre. Qualcuno oggi la chiamerebbe margherita etica. Forse è semplicemente altruismo alla napoletana.

Dalla presentazione di Marino Niola


Visto il successo mondiale raggiunto dalla pizza e il grado di eccellenza raggiunto dai maestri pizzaioli ormai presenti ovunque, anche al di fuori dal Paese dove questo, semplice ma delizioso, prodotto è nato e si è diffuso, viene da domandarsi perché lo si voglia osservare con il rigore dell'approccio scientifico. A un'attenta riflessione questa scelta non appare affatto strana.

Se si vuole uscire fuori dai confini del folclore, dall'empirismo, dai luoghi comuni e dalle false credenze, il solo modo per farlo è comprendere il perché certi fenomeni si sviluppano in un modo piuttosto che in un altro, perché certe materie prime danno luogo a risultati e altre a risultati diversi, perché lievi differenze nella preparazione portano a pizze con certe caratteristiche sensoriali piuttosto che ad altre.

Sapere cosa lega fra loro la composizione delle materie prime al comportamento dell'impasto, la struttura dell'impasto alle caratteristiche organolettiche della pizza è il solo modo per decidere come e quando intervenire per ottenere un risultato desiderato o correggere gli errori e avere così completa padronanza di un'arte sviluppata con la pratica nei secoli e che ha reso la Pizza un prodotto tipico frutto dell'esperienza dei pizzaioli napoletani.

Dalla premessa degli autori

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.