PRANZI GIORNALIERI - Vincenzo Corrado

CorradopAutore: Vincenzo Corrado
Titolo: Pranzi giornalieri variati ed imbanditi in 672 vivande secondo i prodotti della stagione.
Introduzione e glossario di Lelja Mancusi Sorrentino.
Prima ristampa della rara edizione napoletana del 1832.
Descrizione: Due tomi in un unico volume. Edizione pregiata in elegante astuccio.
Edizione in formato 8° (cm. 24,5 x 17,5); pp. XXIV + 130 + 128 + 16 (glossario).
Luogo, Editore, data: Napoli, Grimaldi & Co., 2001
Prezzo: Euro 26,00
Disponibilita': In commercio

La cucina napoletana attuale nasce intorno alla meta' dell'Ottocento dalla fusione fra quella aristocratica e quella popolare, l'una dovette semplificarsi, l'altra ingentilirsi.
Vi furono dei precursori su questa via e fra questi spicca l'opera di Vincenzo Corrado. Egli, che era stato la massima autorita' della cucina aristocratica napoletana del Settecento, in tarda eta', ai primi del XIX secolo pubblicò i Pranzi giornalieri, primo tentativo di trasformare la cucina dei sontuosi pranzi di gala in una piu' adatta al mangiare quotidiano. L'opera ebbe notevole successo e piu' edizioni. Oltre ad avere un grande interesse storico i Pranzi giornalieri ne hanno anche uno pratico.
Se diverse ricette sono molto lontane dai gusti attuali, molte altre conservano tutta la loro validita', e potrebbero essere facilmente realizzate anche oggi; inoltre alcune sono di grandissima attualita' come quelle dedicate alla carne bufalina. Dopo oltre un secolo e mezzo questo raro ricettario dal titolo originario "I Pranzi giornalieri (in due tomi primavera/estate e autunno/inverno) composto da 672 ricette divise in sedici settimane, quattro per ogni stagione, ed ogni giorno è previsto un pranzo per sei portate", viene da noi riproposto. Il testo, anastatico, è completato da una dotta prefazione che delinea la personalita' del Corrado, da una introduzione con l'analisi dei vari piatti e da un glossario, tutti a cura di Lejla Mancusi Sorrentino, appassionata ricercatrice di antichi testi e studiosa delle tradizioni gastronomiche napoletane.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn