IL CILENTO TRA DUE GUERRE - Anna Molinaro

IL CILENTO TRA DUE GUERRE - Anna MolinaroAutore: Anna Molinaro
Curatore:
Titolo: Il Cilento tra due guerre
Presentazione di Giuseppe Galzerano,
Prefazione di Atanasio Mozzillo,
Seconda edizione
Descrizione: Volume in formato 8°; 168 pagine; con foto
Luogo, Editore, data: Casalvelino Scalo (SA), Galzerano, 2018
Collana: 
ISBN: 9788895637358
Prezzo: Euro 12,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni

Fame, arroganze padronali, ricatti, contrabbandi, corruzioni, schiavitù, rivolte, occupazione di terre incolte coinvolgono preti, podestà, forze dell’ordine, contadini, latifondisti e donne. Quella raccontata nel libro è storia duramente sofferta e patita, recente e viva, anche se in parte sconosciuta.

L’autrice, con una serie di interviste ai rappresentanti delle diverse classi sociali, ricostruisce la vita sociale del Cilento nel periodo tra i due conflitti mondiali da diversi punti di vista: da quello della borghesia professionista e intellettuale a quello del proletariato agricolo, indagando anche le condizioni di sfruttamento, servitù e miseria che la popolazione era costretta a subire in una terra travagliata.

Il libro analizza le cause dello sfaldamento della piccola e media borghesia e fa luce sul fenomeno delle occupazioni delle terre da parte delle masse agricole che - spronate dagli ex combattenti della prima guerra mondiale e sventolando le bandiere rosse della speranza e della lotta - spaventarono i latifondisti cilentani.

Dalle interviste emerge la vita di stenti dei contadini, ignorata dai padroni che li offendono e li calunniano per la loro legittima aspirazione al possesso delle terre, dalle quali con tanto sudore strappavano poco e dove - come afferma un intervistato - tutto «giunge sempre col silenziatore».

Oltre ad offrire ragguagli sulle condizioni di vita del bracciantato fino all’arrivo delle truppe alleate, sulla condizione della donna (per lo più serva dei servi!) e sul timore reverenziale nei confronti della figura paterna, il libro affida alla viva voce di chi li ha vissuti il ricordo e il giudizio su episodi di storia reale, come il fascismo, lo sbarco e la liberazione degli alleati, il bombardamento di Vallo della Lucania e l’incendio della
foresta del Monte Gelbison. E, grazie agli intervistati che rispondono nel loro dialetto, viene trascritta anche una «parlata» che sta scomparendo.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.