SE MUORE IL SUD - Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo

PARADISO DANNATO. L'incredibile saccheggio del Sud - Gian Antonio Stella, Sergio RizzoAutori: Gian Antonio Stella, Sergio Rizzo
Titolo: Se muore il Sud
Descrizione: Volume in formato 8°; 315  pagine
Luogo, Editore, data: Milano, Feltrinelli, 2015
Collana:UNIVERSALE ECONOMICA SAGGI ROSSI
ISBN: 9788807886935
Prezzo: Euro 9,50
Disponibilità: In commercio

Luoghi meravigliosi, tesori di arte e cultura, ma anche risorse economiche e imprenditoriali dimenticati, sprecati, polverizzati. E la terra che potrebbe trainare lo sviluppo del paese è stata invece occupata dalla malavita e dalla malapolitica. Gian Antonio Stella e Sergio Rizzo, i nomi simbolo del giornalismo d’inchiesta in Italia, raccontano il disastro del Sud.

Il turismo, questo sconosciuto
“Prendiamo ad esempio il confronto fra la Sicilia e le isole Baleari: 1430 chilometri di coste dell’arcipelago spagnolo, circa 1500 l’antica Trinacria comprese le Egadi e le Eolie, ‘ma le isole Baleari generano un numero di presenze internazionali europee circa undici volte superiore alla Sicilia’.”
Le grottesche vette del malcostume nell’amministrazione pubblica “Per diventare avvocato occorre passare l’esame di stato, indetto ogni anno nelle sedi delle corti d’appello. Esame non facile. Ma non a Catanzaro. Ovvio: nessuno è mai stato di manica larga come le commissioni di esame catanzaresi. Quella volta del ‘Gran Tarocco’, saltò fuori che su 2301 partecipanti, quelli che certamente ‘non’ avevano copiato erano stati solo 6.”
E poi: le truffe e gli scandali nell’utilizzo dei miliardi dei fondi europei, il dilagare della  criminalità organizzata da sud a nord, gli incredibili corsi di formazione profumatamente pagati dalle regioni per professioni inusitate e inesistenti, la terribile verità sulla condizione dei poveri nel Mezzogiorno, la sconfortante rassegna dei risultati (e delle rovine industriali) lasciati da decenni di Cassa del Mezzogiorno, e molto altro ancora…

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.