LE DUE NAPOLI. Scritti di Domenico Pizzuti. Un gesuita sociologo - Lucio Pirillo

le_due_napoliCuratore: Lucio Pirillo
Titolo: Le due Napoli. Scritti di Domenico Pizzuti
Sottotitolo: Un gesuita sociologo
Descrizione: Volume in formato 8°; 324 pagine
Luogo, Editore, data: Napoli, Giannini, 2011
ISBN: 9788874315192
Prezzo: Euro 20,00
Disponibilità: In commercio


“Raccontare” Napoli per comprendere, attraverso gli occhi e la mente di un gesuita di frontiera, napoletano, che vive da oltre vent’anni a Scampia, è un’impresa ardua. Nella sua scrittura Napoli si scompone. Come nel passo del De Civitate Dei di S. Agostino da una parte viene alla luce una città secolarizzata, dall’altra una città che con la sua capacità quotidiana di disciplinarsi e sperare si mette alla ricerca dei propri tradizionali valori. Di fronte all’incapacità di guardare lontano, da parte della politica politicistica, sotto la penna di questo gesuita sociologo viene proposto per Napoli il recupero di una realistica e nello stesso tempo utopica visione strategica del futuro. Intrecciando le due Napoli fa capolino una inedita continuità tra la Napoli degli anni Trenta guardata da scrittori e filosofi “nichilisti” (come Jean Paul Sartre) e quella di oggi, garantita dal “senso” di una spazzatura “rinascimentale”. Per facilitare l’approccio a questa Napoli abbiamo raccolto gli scritti di Domenico Pizzuti in sei sezioni: Politica, Camorra, Rom, Chiesa, Scampia, e Bollettini di Vigilanza Civile.

Come una sentinella, dal suo osservatorio Pizzuti rilegge ed analizza le vicende che caratterizzano gli ultimi anni della città: la fine di una stagione politica e di un sistema di governo personalistico, la afasia di una società civile sgomenta di fronte alle ripetute emergenze modellate su quella della “monnezza”, la criminalità organizzata, come disvalore aggiunto dell’area napoletana e campana e dei suoi intrecci con la “borghesia camorristica”, i gironi di vita, virtuosi o meno, del quartiere Scampia con il “Cristo degli spacciatori” che torreggia davanti al Lotto P.

E’ riportata alla luce dall’autore l’invivibilità non invisibile del campo nomadi non autorizzato di Scampia. Qui lo studioso confessa di avere incontrato la “Madonna con le bambine”, ci informa di aver riportato in un blog di vigilanza civile gli appelli per la rimozione della “monnezza”, e scrutina la presenza sulla scena pubblica della chiesa di Benedetto XVI e del card. Crescenzio Sepe - certo, quest’ultimo, un attore sociale che non passa inosservato.

Nella comprensione dei fatti la lettura evidenzia una salda fede nell’etica pubblica, una partecipazione civile tessuta, in un connubio di fede e giustizia e soprattutto un’attenzione alla vita dei ceti meno privilegiati da promuovere. Come sottolinea nella sua nota di riflessione il Procuratore della Repubblica di Salerno Franco Roberti, è urgente ridefinire a Napoli il senso della cittadinanza nel terzo millennio!

Domenico Pizzuti, è docente emerito di Sociologia presso la Facoltà Teologica dell’Italia Meridionale. E’ stato Direttore scientifico dell’Osservatorio sulla camorra e sull’illegalità, del Corriere del Mezzogiorno. Tra le diverse pubblicazioni ha curato con G. Di Gennaro "L’identità meridionale. Percorsi di riflessione sociologica", San Paolo Edizioni 2002, e "Dire camorra oggi, Forme e metamorfosi della criminalità organizzata in Campania", Guida 2009. Collabora a diverse Riviste, testate giornalistiche, e siti web.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.