FABBRICA E TAMMORRE - Pasquale Gammella

fabbrica_e_tammorreAutore: Pasquale Gammella
Titolo: Fabbrica e Tammorre
A cura di Gianluca Nunziata
Fotografie di Luciano Ferrara
Descrizione: Volume in 16° (cm 19 x 13,50); 224 pagine; illustrazioni a colori.
Luogo, Editore, data: Casalnuovo di Napoli, Phoebus, 2009
Collana: Ethos. N. 1
ISBN: 88-86816-45-6
Euro 10,00
Disponibilità: In commercio

Il Gruppo Operaio E’ Zezi, il Collettivo “Nacchere Rosse” e il Gruppo Folk d’Asilia furono gli interpreti, nella Pomigliano degli anni ’70, di una stagione di straordinario fermento artistico e di intenso impegno sociale e culturale.

Il progetto editoriale “Fabbrica e Tammorre”, nell’intento di riconsegnare alla memoria collettiva quella irripetibile esperienza e di trasmetterla alle nuove generazioni, ne ha ricomposto il mosaico recuperando preziosi frammenti di cronaca dell’epoca e raccogliendo le testimonianze autentiche dei protagonisti.

 

La storia della canzone popolare a Pomigliano è anche la cronaca appassionata di un periodo, particolarmente complesso e difficile, della vita italiana. Con la loro musica, un’originale miscela di canto e teatro popolare, quei giovani operai, studenti e disoccupati diedero voce al dissenso e alla protesta di una comunità che, già piagata dai problemi economici e sociali del Paese, doveva confrontarsi con un’industrializzazione troppo rapida e dunque alienante.
L’opera ripercorre, partendo dall’analisi del contesto sociale ed economico di quegli anni, l’intreccio tra gli eventi politici e gli eventi della tradizione che hanno condotto alla maturazione politico-sociale della città: dall’avvento dell’Alfa Sud alle rivolte operaie, dalla riproposizione dei canti contadini all’elaborazione dei canti politici e di protesta, passando per le feste della tradizione e la rappresentazione della “Zeza” e dei “Dodici Mesi”.

La musica, con la sua immediatezza, è il mezzo artistico che meglio riesce a legare presente e passato, antiche e nuove generazioni, e i canti popolari, se hanno perso la funzione che avevano un tempo, non hanno certamente perso valore e significato.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.