VOCI E VOLTI DEI NUOVI NAPOLETANI

Voci_e_Volti_dei_Nuovi_Napoletani_pAutore del film: Antonio Capuano
Autori dei testi: Ermanno Rea, Marino Niola, Anna Maria Zaccaria, Fabio Amato, Adelina Miranda, Silvio Perrella
Titolo: Voci e volti dei nuovi napoletani. dvd + libro
Fotografie: Aniello Barone.
Descrizione: Volume di 156 pagine, con 1/32 di foto b/n; Film: 67'
Luogo, Editore, data: Roma, Fandango Libri - Napoli, Fondazione Premio Napoli, 2007
Prezzo: Euro 22,00
ISBN: 97888-6044-081-5
Disponibilita': In commercio

I nuovi napoletani sono le migliaia di immigrati che negli ultimi anni si sono stabiliti a Napoli o nelle sue immediate vicinanze. La loro condizione di cittadini "invisibili" sul piano dei diritti, da quelli piu' elementari della vivibilita' e del lavoro sino a quelli piu' complessi dello status giuridico e della rappresentanza, è uno dei problemi piu' pressanti di ordine culturale, etico e giuridico che una societa' aperta, fondata su una democrazia sostanziale e non formale, è chiamata a risolvere.

D'intesa con la Fondazione Premio Napoli, il regista Antonio Capuano ha realizzato un documentario su Piazza Garibaldi, la piazza antistante la stazione centrale di Napoli, e sulla zona della Ferrovia, che va dal cuore della piazza a strade e vicoli che la collegano con altri quartieri. Da quando, a meta' del secolo scorso, era diventata il regno dei traffici illeciti e del contrabbando, la piazza si è negli anni trasformata fino a rappresentare oggi la tappa di arrivo e spesso di insediamento definitivo di un numero incalcolabile di extracomunitari di diversa provenienza: Estremo e Medio Oriente, Europa dell'Est, Africa, America Latina.

Il film-verita' di Capuano è stato presentato in anteprima a Piazza Dante (Napoli) il 16 settembre, nell'ambito delle manifestazioni del Premio Napoli 2006 ed è distribuito in dvd nel cofanetto Fandango Libri contenente anche un volume antologico di approfondimento con l'introduzione di Ermanno Rea, i saggi dell'antropologo Marino Niola e dei sociologi Zaccaria, Amato e Miranda, la postfazione di Silvio Perrella e un inserto fotografico di Aniello Barone, a fissare volti e ambienti.

Completa il volume un decalogo che nelle parole di Ermanno Rea vuole rappresentare "l'impegno solenne per un'accoglienza consapevole e senza limiti dello straniero al fine di volgere in ricchezza quel che può oggi apparire una ferita, un danno. [...] È possibile che Napoli faccia del suo crescente cosmopolitismo, dello sviluppo impetuoso della sua variopinta anagrafe, la carta vincente del proprio futuro? [...] A noi piace giudicarla, prima ancora che una scelta etica, un'opportunita' politica, sociale ed economica, un traguardo per un futuro che è gia' cominciato".

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.