AL SERVIZIO DELLA CAPITALE E DELLA CORTE. La marineria napoletana nel Settecento - Biagio Passaro, Maria Sirago, Pasquale Bruno Trizio

AL SERVIZIO DELLA CAPITALE E DELLA CORTE. La marineria napoletana nel Settecento - Biagio Passaro, Maria Sirago, Pasquale Bruno TrizioCuratori: Biagio Passaro, Maria Sirago, Pasquale Bruno Trizio
Titolo: Al servizio della Capitale e della Corte
Sottotitolo: La marineria napoletana nel Settecento
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 24 x 17); XVI + 152 pagine; alcune illustrazioni in b/n nel testo
Luogo, Editore, data: Napoli, Edizioni Scientifiche Italiane, 2019
Collana: La memoria narrata. Sezione memorie e storia, 10
ISBN: 9788849538298
Prezzo: Euro 18,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni

Il mare non bagna Napoli? Un'immagine letteraria divenuta motivo ricorrente e a volte fuorviante. Invece è certo che «il mare bagna» il golfo di Napoli, le sue coste e le sue isole, da cui negli ultimi secoli sono nati gruppi armatoriali di dimensione nazionale e internazionale. Le ricerche presentate in questo volume contribuiscono a mettere in luce che le professionalità e l'imprenditorialità marinare dell'area napoletana e dintorni hanno le loro radici nel Settecento, grazie al risveglio civile ed economico e alle riforme promosse da Carlo di Borbone.

Già in età vicereale i velieri costruiti sulle spiagge di Procida e della Penisola sorrentina collegavano i porti pugliesi con Napoli, per assicurare i rifornimenti annonari a una città che nel Mediterraneo per popolazione era seconda solo a Istanbul.

I mutati equilibri politici nel Mare nostrum e il riordino legislativo del comparto marittimo, avviato dalla monarchia borbonica, permisero al regno di affrancarsi dal naviglio straniero nel commercio marittimo interno e consentirono ai più intraprendenti equipaggi napoletani di inserirsi su tutte le rotte mediterranee, per esportare i prodotti agricoli delle province meridionali, e di inoltrarsi oltre Gibilterra verso i porti del Nord Europa e verso le Antille.

Il ritorno di Napoli al ruolo di capitale e la presenza di corte e governo contribuirono in maniera determinante allo sviluppo delle imprese armatoriali dei centri marinari del Golfo, ai cui equipaggi furono affidati tutti i trasporti per la regia Corte, il sovrano e la sua famiglia. Ciò non sarebbe stato possibile se non vi fosse stata una città come Napoli: antica sede universitaria, ai cui stimoli culturali si dovettero i progressi conseguiti nell'istruzione nautica, e da sempre sede di una rete di agenzie commerciali — napoletane e straniere — in grado di collocare merci e noli sul mercanto internazionale.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.