IL LIBRO DEI PRIMATI DEL REGNO DELLE DUE SICILIE dal 1734 al 1860 - Gennaro De Crescenzo

IL LIBRO DEI PRIMATI DEL REGNO DELLE DUE SICILIE dal 1734 al 1860 - Gennaro De CrescenzoAutore: Gennaro De Crescenzo
Titolo: Il libro dei Primati del Regno delle Due Sicilie
Sottotitolo: dal 1734 al 1860. 135 primati descritti, illustrati e documentati
Descrizione: Volume di grande formato (cm 30 x 24), circa 260 pagine con oltre 100 illustrazioni a colori di splendidi dipinti, medaglie, ritratti e documenti. Legatura editoriale in tutta tela con sovraccoperta.
Luogo, Editore, data: Napoli, Grimaldi & C., 2019
Collana: 
ISBN: 9788832063011
Prezzo: Euro 65,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni

135 eccellenze del Sud sotto il Regno dei Borbone, da Carlo a Francesco II, sono descritti e documentati da Gennaro De Crescenzo, studioso e presidente del Movimento Neoboborbonico in questa pubblicazione.

Ai primati più noti – la prima ferrovia, la prima nave a vapore, il primo ponte sospeso in ferro – si aggiungono primati meno conosciuti anche dagli studiosi, che De Crescenzo riporta in ordine cronologico e correda con dati comparativi: la prima Borsa Valori in Italia (1778), le prime leggi antisismiche in Italia (1783), la prima scoperta al mondo di un asteroide da parte dell’astronomo Giuseppe Piazzi (1801), il più alto numero di addetti all’industria degli Stati italiani pre-unitari (1 milione e 189.582, senza contare la Sicilia, cifra raggiunta nel 1860).

Ancora nel 1860, Napoli contava il maggior numero di giornali e riviste tra tutte le città d’Italia ed il maggior numero di studenti iscritti alle Università. Dati che smentiscono uno dei capisaldi della vulgata risorgimentalista su un Sud culturalmente sottosviluppato prima della unificazione.

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.