L'ESERCITO DEL REGNO DELLE DUE SICILIE 1815-1861 - Quinto Cenni

l esercito del regno delle due sicilie illustrato da quinto cenniAutore: Quinto Cenni
Titolo: L'esercito del Regno delle due Sicilie 1815-1861
Descrizione: Volume in formato 8°; 105 tavole a colori di Quinto Cenni
Luogo, Editore, data: Zanica (BG), Soldiershop, gennaio 2017
Collana: Quaderni Cenni. N. 9
ISBN: 
Prezzo: Euro 39,00
Disponibilità: In commercio

Tra i primi provvedimenti adottati da Ferdinando II salito al trono l’8 novembre 1830 a soli venti anni, ci fu quello della ristrutturazione dell’Esercito che negli ultimi tempi aveva subito un processo involutivo veramente preoccupante.
Il giovane Sovrano agì con estrema decisione e severità e non esitò, con un ordine del giorno, a chiedere le dimissioni di un gran numero di ufficiali inetti ed incapaci, richiamando in servizio, reintegrandoli nel grado e nelle funzioni, gran parte di coloro che si erano compromessi nei moti del 1820.
Riammise in servizio, destando grande scalpore, anche il Tenente Generale Carlo Filangieri, convinto, a ragione, che solo un Esercito ben addestrato, con soldati disciplinati e motivati avrebbe potuto sostenere con lealtà e fedeltà il Trono e difendere l’autonomia e l’integrità dello Stato. Tutto ciò non impedi al figlio di questi Francesco II di perdere trono e stato a seguito della spedizione garibaldina e agli eventi risorgimentali.
Il volume raccoglie 105 tavole a colori delle uniformi adottate dall'Esercito Borbonico nel periodo 1815/1861 e riprodotte dal famoso illustratore Quinto Cenni

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.