DAI BORBONE AI SAVOIA. Il trapasso che cambiò il volto dell'Italia - Ciro Pelliccio

dai borbone ai savoia ciro pelliccioAutore: Ciro Pelliccio
Titolo: Dai Borbone ai Savoia
Sottotitolo: Il trapasso che cambiò il volto dell'Italia
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15); 129 pagine.
Luogo, Editore, data: Lecce, Capone, 2016
Collana: 
ISBN: 9788883492112
Prezzo: Euro 13,00
Disponibilità: In commercio


L’Autore apre questo saggio, molto documentato, mettendo in evidenza lo stato politico ed economico dei due Regni negli anni Sessanta dell’Ottocento per dimostrare come quello delle Due Sicilie aveva in sé delle criticità sulle quali puntarono i Savoia per metterlo in crisi e farlo crollare.

Interessante, in questo quadro, la descrizione del ruolo che svolsero a Torino i tanti esuli napoletani i quali riuscirono a far maturare nel ceto politico, intellettuale e militare piemontese un giudizio molto negativo sull’intero Mezzogiorno. Se, infatti, per il Farini il Sud era “Affrica... e che i beduini son fior di virtù civile” e per Massimo D’Azeglio “la fusione con i napoletani era come mettersi a letto con un vaiuoloso”, non poteva mancare chi, come Lombroso e i suoi seguaci, volendo dare una base scientifica alla propaganda dei Savoia, spiegava il brigantaggio come fenomeno puramente delinquenziale, che, come tale, andava combattuto. Di qui, ovviamente, le fucilazioni di massa, gli stupri, il terrificante taglio della testa ai briganti e l’efferato attacco dei soldati piemontesi, su ordine del Cialdini, a Pontelandolfo e Casalduni, con la scena infernale di uomini arsi vivi nel fuoco della propria casa, colpi di baionetta a chi tentava la fuga, cariche, urla, gemiti di uomini, donne, bambini.

Purtroppo si era capito ben poco della storia del Sud, anche da parte dei tanti intellettuali meridionali che, rifugiatisi nei salotti degli aristocratici palazzi sabaudi, soffiarono sul fuoco perché si conquistasse il Mezzogiorno in nome dell’unità nazionale. Fu quella, invece, come ormai sostiene gran parte della storiografia, un’aggressione premeditata e studiata a tavolino, una colonizzazione  selvaggia a vantaggio della economia del nord del nostro paese.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn