L'INFERNO CARCERARIO SABAUDO DOPO IL 1860. Una strage nel carcere di Montefusco - Edoardo Spagnuolo

L'INFERNO CARCERARIO SABAUDO DOPO IL 1860. Una strage nel carcere di Montefusco - Edoardo SpagnuoloAutore: Edoardo Spagnuolo
Titolo: L'inferno carcerario sabaudo dopo il 1860.
Sottotitolo: Una strage nel carcere di Montefusco.
Descrizione: Volume in formato 8°; pagine 84; spillato.
Luogo, Editore, Data: Napoli, Edizioni Nazione Napoletana, 2004
Prezzo: Euro 8,00
Disponibilità: In commercio

 


richiedi informazioni




Indice:

Introduzione, p. 7

IL BAGNO PENALE DI MONTEFUSCO DAL 1852 AL 1860
Catene e punizioni, p. 9 - Un cantiere di lavori, p. 11 - L'alimentazione, p. 12-11 vestiario, p. 13-1 letti, p. 14 - La corrispondenza con i familiari, p. 14 - L'assistenza medica, p. 15

IL BAGNO PENALE DI MONTESARCHIO DAL 1856 AL 1859
Camere d'albergo, p. 16 - Noblesse oblige, p. 17 - Passatempi dei "detenuti", p. 17 -A sera, p. 18-1 carcerati comandano i carcerieri, p. 19 - L'attentato di Agesilao Milano, p. 19 -Regime "severo", p. 19 - Verso la «Mecca», p. 20

LA RIAPERTURA DEL CARCERE DI MONTEFUSCO
Settembre 1860, p. 21 - Pane e acqua, p. 21 - Trasferimento dei detenuti ad Avellino, p. 21 - Le carceri meridionali dopo il 1860, p. 22

DA AVELLINO A MONTEFUSCO
Un'epidemia di tifo nel carcere di Avellino, p. 22 - Colonne di detenuti verso Montefusco, p. 23 - Condizioni di salute dei detenuti, p. 23

L'INFERNO
Inizia il contagio, p. 24 - Rogna, p. 25 - «Stivati come sardelle», p. 25 - I criminali sono fuori dal carcere, p. 26 - La diagnosi del «medico cerusico», p. 27 - Proteste dell'amministratore carcerario, p. 28 - Nessuna assistenza medica, p. 29

MORTE E DISPERAZIONE
«Abbandonati alla ferocia del male», p. 30 - Fase acuta della malattia, p. 31 - II conforto di un medico amico, p. 32 - II risentimento del dottor Marano, p. 33

DECREMENTO DEL CONTAGIO
Una tardiva risoluzione, p. 33 - Bilancio, p. 34 - Fosse comuni, p. 34 - Larve umane, p. 35

L'INCREDIBILE VICENDA DEL DOTTOR MARANO
Una testimonianza di grande rilevanza, p. 35 - Filo diretto fra i detenuti e Montemiletto, p. 36 - Le umiliazioni subite dal dottor Marano, p. 37

IL MANCATO ASSALTO AL CARCERE
La grande paura, p. 38 - La rivolta di Montefalcione, p. 39 - Opere di «fortificazione»

MUORE LA SPERANZA
Vittoria dei carcerieri, p. 41 - La fuga di Pellegrino Nasta e la triste sorte del fratello, p. 42 - Gli abusi della ditta fornitrice e l'indifferenza del governatore, p. 42

«RIFIUTO DE CANI»
Detenuti al "fresco", p. 43 - Defraudati del pane, p. 44

LA FARSA DELLE COMMISSIONI VISITATRICI
II "coraggio" di D.Carlo Ciampi, p. 46 - «Sudici, logori ed ignudi», p. 47 - La commissione carceraria, p. 47 - II «Carcere delle donne», p. 48

DIASPORA DI DETENUTI DAL CARCERE DI POTENZA
"Turismo" carcerario, p. 48 - L'itinerario Potenza-Salerno-Montefusco, p. 49 - Dal carcere di Ariano, p. 50 - Sature anche le carceri di Napoli, p. 51 - Altri detenuti lucani sballottati da un luogo ad un altro, p. 51 - Contrordine, p. 52

DEGRADO ALLUCINANTE
Luogo di villeggiatura, p. 52 - Drammatiche proteste dei detenuti, p. 54 - II lager di Montefusco, p. 54 - Camorristi protetti ad oltranza, p. 56 - Neonati in carcere, p. 56

COME PRIMA, PEGGIO DI PRIMA
II mistero svelato, p. 57 - Un rapporto del guardiano, p. 57 - Umanità dei detenuti, p. 58 -Botta e risposta tra il sindaco e l'appaltatore, p. 58 - In cella di isolamento, p. 60 - Eliminati prontamente gli «abusi», p. 60 - I bambini possono attendere, p. 61

CAMORRA
I soliti abusi, p. 62 - Un documento impressionante, p. 62 - Fondatezza della protesta, p. 65 - Ognuno accusa l'altro, p. 66

Appendice
Lavori eseguiti nel carcere di Montefusco dal 1852 al 1858, p. 68 - Numero di detenuti reclusi nel carcere di Montefusco dal febbraio 1852 al primo ottobre 1868, p. 80 - Esempi di burocrazia sabauda, p. 81

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.