LA RIVOLTA DI MONTEFALCIONE. Storia di un'insurrezione popolare durante l'occupazione piemontese - Edoardo Spagnuolo

la rivolta di montefalcione edoardo spagnuoloAutore: Edoardo Spagnuolo
Titolo: La rivolta di Montefalcione.
Sottotitolo: Storia di un'insurrezione popolare durante l'occupazione piemontese.
Descrizione: Volume in formato 8°; pagine 159.
Luogo, Editore, Data: Napoli, Edizioni Nazione Napoletana, 1997
Prezzo: Euro 8,00
Disponibilità: In commercio

Introduzione
Tra il 6 ed il 10 luglio 1861, Montefalcione fu teatro di una insurrezione popolare antiunitaria, che ebbe nel paese irpino il suo epicentro, ma che si propagò rapidamente in diversi comuni e villaggi limitrofi.

La rivolta fu caratterizzata sia da sollevazioni non violente, sia da cruenti combattimenti che culminarono in una strage, compiuta da contingenti della Legione ungherese del Regio Esercito italiano, attraverso l'uccisione sommaria, a scopo di repressione e rappresaglia, di rivoltosi e civili.

Antefatto
Nel settembre 1860, la popolazione di Montemiletto, Torre Le Nocelle e Pietradefusi si ribellò contro gli invasori piemontesi, scagliandosi in particolare contro le famiglie liberali della zona. La sollevazione ebbe come conseguenza più di cinquecento incriminati, e quasi quattrocento arresti. Per sfuggire alla cattura, molti rivoltosi si diedero alla macchia rifugiandosi nei boschi tra Montefalcione, Montemiletto, Lapio, Chiusano e Montaperto, nonché sulle montagne di Volturara, Sorbo e Salza.


Indice
Capitolo I Montefalcione insorge "Maledetto lo sissanta" - Basilio Pagliuca e Gaetano Baldassarre - Montefalcione liberata.
Capitolo II La rivolta si estende Chiusano San Domenico - La banda Nardiello di Volturara - San Potito - L'assalto al palazzo Tecce - Requisizioni di armi - Parolise - Candida - Sorbo e Salza
Capitolo III La battaglia di Colle Sant'Angelo Manocalzati - Incursioni in San Barbato - Rinforzi da Pianodardine - Lo scontro finale
Capitolo IV "Si fotta Garibaldi!" Lapio - Strascichi a Luogosano - San Mango - Don Ciccillo e la rivolta di Tufo
Capitolo V L'assalto al palazzo Fierimonti Tentativo di repressione - Il carcere di Montefusco - Montemiletto conquistata dagli insorti - L'assalto finale al palazzo Fierimonti
Capitolo VI Il saccheggio di Candida Candida ripresa dai sabaudi - Il sacco - Il saccheggio nella casa di Mariarosa Polcaro - Il saccheggio nella casa di Vincenzo Rubillo e altre violenze - La devastazione del palazzo di Francesco de Ioanna - Il convento dei Padri Minori Riformati
Capitolo VII L'allegra brigata di don Ciccillo La colonna nemica - Torrioni occupata dagli insorti - Incursione in Petruro
Capitolo VIII La grande occasione Verso Montefalcione - Il governatore assediato
Capitolo IX Il massacro di Montefalcione Il massacro - Morte e desolazione
Capitolo X La repressione Un crimine atroce - Cialtroneria liberale - Sciacallaggio in Montefalcione - Disavventura di una guardia nazionale
Capitolo XI La triste fine di Vincenzo Petruzziello Le conoscenze influenti della famiglia Pagliuca - Vincenzo Petruzziello - Lo sconforto di Gaetano Baldassarre
Capitolo XII La lunga latitanza di Angelo Ciarla Angelantonio Ciarla - Latitanza nei boschi - Alla Casina del Principe - L'ultimo rifugio - Deposizione di Maria Colella - La cattura - Una famiglia distrutta Capitolo XIII I misfatti del capitano Tagle L'assassinio di Antonio Forgione - Brigantaggio in Candida - L'insurrezione legale dei Candidesi - Autodifesa di Michele Tagle
Capitolo XIV La repressione giudiziaria - Tutti in carcere - I condannati
Appendice

 


richiedi informazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.