LE RELAZIONI TRA IL REGNO DI NAPOLI E L'IMPERO DI RUSSIA TRA IL 1850 E IL 1860 NELLE CARTE DELL'ARCHIVIO DEI BORBONE - Eldo Di Gregorio

LE RELAZIONI TRA IL REGNO DI NAPOLI E L'IMPERO DI RUSSIA TRA IL 1850 E IL 1860 NELLE CARTE DELL'ARCHIVIO DEI BORBONE eldo de gregorioAutore: Eldo Di Gregorio
Titolo: Le relazioni tra il Regno di Napoli e l'Impero di Russia tra il 1850 e il 1860 nelle carte dell'Archivio dei Borbone
Descrizione: Volume in formato 8°; pagine 196.
Luogo, Editore, Data: Napoli, E.S.I., 2006
ISBN: 884951140X
Prezzo: Euro 19,00
Disponibilità: In commercio

L'Autore ha dedicato tempo e impegno a una ricerca d'archivio, che ora vede la luce e, come sempre, illumina con sostanziale sobrietà un aspetto della nostra storia meridionale, degno di particolare interesse: i rapporti diplomatici che intercorsero tra il Regno di Napoli e l'Impero di Russia. Essi furono improntati alla massima collaborazione, nella consapevolezza di un comune ruolo di equilibrio che le grandi monarchie europee dovevano svolgere, soprattutto nei confronti di inquietudini insurrezionali, che caratterizzavano i nuovi scenari e che avrebbero determinato svolte decisive nella storia d'Europa.

Un particolare, tragico parallelismo sembra, in tal senso, scandire il passaggio delle due monarchie da uno zar e da un re all'altro. Alessandro II e Francesco II, persino nella scansione di quel secondo, si pongono come i tragici testimoni di un epilogo, che avrebbe rivoluzionato la storia dei due Paesi.
Di Gregorio ne indaga le radici e le ragioni, avanzando ipotesi che si impongono come serio e sereno contributo al dibattito storiografico, spesso su queste delicate e decisive questioni successivamente assiomatico e assoluto. I documenti aiutano, ancora una volta, ad attenuare i toni di asserzioni critiche troppo sicure e talvolta invaghite dei propri miti, dimostrando la relatività di una serie di atteggiamenti politici da tutte le parti, si potrebbe dire, in nome di un machiavellismo, regolato dalla forza degli eventi (dalla Prefazione di Francesco D'Episcopo).

Eldo Di Gregorio, molisano di nascita, si è laureato in Lingue e Istituzioni dell'Europa Orientale presso l'Istituto Universitario Orientale di Napoli; ha poi seguito un corso triennale di giornalismo presso l'Università degli Studi di Urbino. Ha collaborato a giornali e riviste. Ordinario di materie letterarie nelle scuole medie, è stato distaccato presso I'I.R.R.E. Molise, con funzioni di sperimentazione didattica. Motivato da forti interessi culturali per il mondo slavo, ha dato alle stampe il volume Il Romanticismo nella letteratura bulgara (1981). La presente opera conferma l'impegno a ricostruire importanti tasselli storici, culturali e politici di quel mondo, in rapporto con il nostro.

Indice:
Premessa di Giuseppe Antonio Arena 5
Prefazione di Francesco D’Episcopo - Il tramonto della storia 9
Introduzione - Cenni sul Regno di Napoli e l’Impero russo tra il 1850 e il 1860 15
Capitolo primo - I rapporti internazionali tra il Regno di Napoli e l’Impero russo, dal 1850 fino alla Guerra di Crimea 27
Capitolo secondo - Testimonianze di politica estera nei documenti diplomatici russo-napoletani dalla Guerra di Crimea al 1860 39
Capitolo terzo - La situazione interna del Regno delle Due Sicilie e dell’Impero russo e la politica italiana fra il 1850 ed il 1858 53
Capitolo quarto - La fine del Regno delle Due Sicilie nella corrispondenza diplomatica con la Russia, 1859-1860 67
Conclusione 95
Appendice - Documenti diplomatici sulle relazioni tra il Regno delle Due Sicilie e l’Impero russo 105
Nota ai testi 189
Bibliografia 191

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.