UNA ''ECONOMIA ALLE STRETTE'' NEL MEDITERRANEO. Modelli di sviluppo, imprese e imprenditori a Napoli e nel Mezzogiorno nell'Ottocento - Luigi De Matteo

una economia alle strette luigi de matteisAutore: Luigi De Matteo
Titolo: Una ''economia alle strette'' nel Mediterraneo
Sottotitolo: Modelli di sviluppo, imprese e imprenditori a Napoli e nel Mezzogiorno nell'Ottocento
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 23 x 15); 200 pagine.
Luogo, Editore, data: Napoli, ESI, novembre 2013
Collana: Storia , Economia e Società «Saggi e Ricerche». N. 9
ISBN: 9788849526707
Prezzo: Euro 24,00
Disponibilità: In commercio

Nel corso dell'Ottocento l'economia del Mezzogiorno è "una economia alle strette", alle prese con l'accelerazione del processo di globalizzazione dei mercati imposto dalla supremazia delle grandi potenze commerciali e industriali che sbaragliano ogni concorrenza con i loro manufatti e dominano gli scambi a tutte le latitudini.

Politiche economiche e creditizie e struttura delle opportunità di investimento, rapportate alle obiettive difficoltà con le quali, nelle nuove gerarchie determinate dalla divisione internazionale del lavoro, i Paesi agricolo-commerciali dell'Europa mediterranea furono costretti a misurarsi, inquadrano l'avventura degli imprenditori che a Napoli e nel Mezzogiorno avviarono o consolidarono le loro imprese all'ombra della politica di sostegno dei Borbone.

È la storia di un ceto imprenditoriale articolato e capace, segnata dal drammatico spartiacque della crisi dell'unificazione che, aggravata dall'imperversare del brigantaggio, sottovalutata dai governi, condizionerà il futuro economico della ex capitale e del Mezzogiorno. Una storia che definisce un Ottocento breve, dall'impulso del blocco continentale alle attività produttive nel decennio francese alla crisi della Restaurazione, al modello dirigista dei primi anni '20 agli effetti di lungo periodo dell'introduzione del modello liberista della Destra Storica.

Una storia che termina in dissolvenza alla vigilia degli «anni più neri dell'economia italiana». Non a caso. Dopo il tracollo del settore industriale, della Compagnia di Navigazione a Vapore delle Due Sicilie e di numerose altre imprese pubbliche e private seguito all'Unità, negli anni '80 nel Mezzogiorno si può considerare esaurita anche l'esperienza del gruppo di imprenditori, soprattutto titolari di case bancarie e commerciali, che era riuscito a superare la crisi postunitaria e ad affermarsi nell'Italia unita.

Ora che il Paese, convertito decisamente al protezionismo nel 1887, conosce un primo sviluppo nelle regioni del triangolo industriale, ben pochi di quegli imprenditori (e dei loro eredi) saranno in grado di raccogliere la nuova sfida da una Napoli e da un Mezzogiorno ormai "questioni nazionali", da affrontare, per il ritardo economico e sociale accumulato e per il marcato divario con altre città e aree del Paese, con leggi speciali e misure straordinarie.

L'AUTORE
Luigi De Matteo, professore ordinario di Storia economica presso il Dipartimento di Scienze Umane e Sociali dell'Università "L'Orientale" di Napoli, è direttore responsabile della rivista Storia economica e della collana Storia. Economia e Società, ambedue pubblicate dalle ESI.
Tra i suoi volumi, «Noi della meridionale Italia». Imprese e imprenditori nel Mezzogiorno nella crisi dell'unificazione.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.