GIORNALE DELL'ASSEDIO DI GAETA - Carlo Garnier

giornale_dell_assedio_di_gaeta carlo garnierAutore: Carlo Garnier
Titolo: Giornale dell'assedio di Gaeta
Descrizione: Volume in formato 8° (cm 21 x 15); 120 pagine; 7 illustrazioni in b/n fuori testo
Luogo, Editore, data: Napoli, Regina, 1971
Disponibilità: No

 


richiedi informazioni

Nel volume è riportata, giorno per giorno,  la cronaca degli avvenimenti dal 4 novembre 1860 al 14 febbraio 1861
Alla fine della cronaca di Garnier, l'editore ha riportato per intero ed originale la Capitolazione della resa di Gaeta, mancante nell'edizione francese dell'opera.

 

« Sire, in mezzo ai disgraziati avvenimenti, di cui la tristezza dei tempi ci à fatto spettatori afflitti ed indegnati; noi sottoscritti, uffìziali della Guarnigione di Gaeta, veniamo, uniti in una ferma volontà, rinnovare l'omaggio della nostra fede innanzi al vostro trono, reso più venerabile e più splendido dalla sventura. Cingendo la spada, giurammo che la bandiera affidataci da V. M. sarebbe difesa da noi, a costo del nostro sangue. E' a questo giuramento che intendiamo restar fedeli; quali che siano le privazioni, le sofferenze e i pericoli ai quali ci chiama la voce dei nostri capi, sacrificheremo con gioia le nostre fortune, la nostra vita e tutt'altro bene per il successo o pei bisogni della causa comune. Gelosi custodi di quest'onor militare che distingue solo il soldato dal bandito, vogliamo mostrare a V. M. ed all'Europa intera che se molti fra noi ànno col tradimento o viltà macchiato il nome dell'Armata Napolitana, grande fu pure il numero di quelli che si sforzarono di trasmetterlo puro e senza macchia alla posterità. »

 


richiedi informazioni

Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.