LA TRAGICOMMEDIA - Giacinto de' Sivo

la tragicommedia de sivoAutore: Giacinto de' Sivo
Titolo: La Tragicommedia.
Sottotitolo: L'unificazione dell'Italia vista dalla parte del Sud.
Descrizione: Volume in 8° (cm 22 x 16); pp. 112; 2 illustrazioni in b/n: una raffigurante la prima pagina del numero 1 del giornale La Tragicommedia, l'altra, una foto di Giacinto de' Sivo.
Luogo, Editore, data: Napoli, Il Giglio, 1996
Prezzo: Euro 15,00
Disponibilità: In commercio

La Tragicommedia è il giornale che de' Sivo pubblicò quasi da solo nel giugno 1861 per rianimare il partito borbonico e richiamare l'attenzione sui metodi repressivi e coloniali del regime unitario. Il giornale è una fonte importante di dati e notizie sulla vita in quello che era stato il Regno delle Due Sicilie nel primo periodo dell'occupazione piemontese. La polizia lo soppresse dopo tre numeri.

Giacinto de' Sivo nacque nel 1814 a Maddaloni (Caserta) da un ufficiale dell'esercito napoletano.

A Napoli frequentò la scuola di lingua ed elocuzione di Basilio Puoti. Nel 1848 fu nominato consigliere d'Intendenza della provincia di Terra di Lavoro. Il 14 settembre 1860 de' Sivo rifiutò di rendere omaggio a Garibaldi e fu arrestato. La sua villa, occupata da Bixio e da altri capi garibaldini, fu saccheggiata. Il 1 gennaio 1861 fu arrestato per la seconda volta ed imprigionato per due mesi. Scarcerato, cominciò a pubblicare il giornale La Tragicommedia. Dovette rifugiarsi a Roma. Nel 1861 pubblicò L'Italia e il suo dramma politico e I Napolitani al cospetto delle nazioni civili. Tra il 1862 e il 1867, vincendo enormi difficoltà, pubblicò la Storia delle Due Sicilie dal 1847 al 1861. Morì in esilio a Roma nel 1867. E' stato lo storico più lucido ed intransigente dell'Antirisorgimento.

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.