LA MALA VITA A NAPOLI. Tra Otto e Novecento - Abele De Blasio

la malavita a napoli abele de blasioAutore: Abele De Blasio
Titolo: La Mala Vita a Napoli
Sottotitolo: Tra Otto e Novecento
Ricerche si sociologia criminale.
Ristampa del testo pubblicato a Napoli nel 1905 per i Tipi del "Premiato Stabilimento Tipografico del Cav. G. M. Priore"
Edizione in formato 8° (cm 21 x 15); 256 pagine; alcune illustrazioni in b/n nel testo.
Luogo, Editore, data: Napoli, Stamperia del Valentino, 2007
Collana: I Cinquecento
ISBN: 9788895063003
Prezzo: Euro 20,00
Disponibilità: In commercio

Ironico e crudo sguardo sul mondo della emarginazione napoletana, della Malavita organizzata e non, questo testo fu concepito, incredibile a dirlo, come un trattato di sociologia criminale.
L'aspetto scientifico - primario nelle intenzioni del De Blasio - oggi è caduto miseramente con le teorie del suo maestro Cesare Lombroso. Ma il testo – al contrario di quanto sarebbe stato lecito attendersi – non si è vanificato

: ci tramanda una vivida immagine di un mondo sottoproletario dedito all'arte di arrangiarsi, in una Napoli che solo per avventura è quella del XIX secolo. Se si superano gli inevitabili anacronismi di un testo che ha oramai più di cent'anni, questo libro potrebbe essere stato scritto oggi.
Tutti gli ingredienti e le storture attuali vi sono contemplati, escluso il solo fenomeno della droga. Ma il resto c'è tutto, con un'attualità cocente: dal leggendario "pacco", allo scippo, al traffico di carne umana, alla vendita dei bambini, a quelli che sembrano ingenui raggiri, ma che ancor oggi sono in grado di mietere abbondante messe di vittime.

Collana:

Pagine:
256
ISBN:

 


richiedi infoformazioni

Condividi questo articolo

Submit to FacebookSubmit to Google PlusSubmit to TwitterSubmit to LinkedIn
Questo sito raccoglie dati statistici anonimi sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate, rispettando la privacy dei tuoi dati personali e secondo le norme previste dalla legge.
Continuando a navigare su questo sito, cliccando sui link al suo interno o semplicemente scrollando la pagina verso il basso, accetti il servizio e gli stessi cookie.